Smart City, Barcellona testa la piattaforma open

Internet of EverythingNetwork
Smart City, Barcellona testa la piattaforma open
3 8 Non ci sono commenti

Barcellona sperimenta il fog computing, il nuovo paradigma per lo sviluppo delle smart city

Barcellona sperimenta il fog computing, la nuova piattaforma open per lo sviluppo delle smart city. La città catalana si conferma smart city, grazie alla sperimentazione della prima piattaforma tecnologica open, flessibile, scalabile e sicura ideata per consolidare e gestire – dalla rete al cloud – l’infrastruttura, i dati e i servizi di una città intelligente.

Smart City, Barcellona testa la piattaforma open
Smart City, Barcellona testa la piattaforma open

Fog computing è il nuovo paradigma tecnologico dedicato a Internet of Things (IoT) che consente di dar vita a comunità sostenibili connesse e smart, e permette di migliorare la qualità della vita dei cittadini. Fog computing è orientato a: elaborazione dei dati, analisi, sicurezza nelle connessioni tra sensori e oggetti presenti sulle strade, e in modo intelligente collegato ad una piattaforma back-end su cloud.

Un progetto pilota è stato messo a punto grazie alla collaborazione di Cisco con la città di Barcellona, il Centro Nazionale Supercomputing e una serie di partner tecnologici e accademici con l’obiettivo di tagliare la complessità e i costi legati allo sviluppo di soluzioni per le smart cities.

Il progetto pilota realizzato a Barcellona rappresenta la piattaforma per lo sviluppo di servizi smart city di prossima generazione: non solo permette di consolidare e gestire centralmente i servizi pubblici come i trasporti, il parcheggio, l’illuminazione, il traffico, i rifiuti, la sicurezza, ma anche di semplificare, accelerare e ridurre i costi di implementazione dei servizi stessi grazie ad una nuova capacità di automazione e di analisi a più livelli oltre ad una maggior capacità di scalabilità e virtualizzazione.

Circa 15 miliardi di dispositivi sono connessi a Internet in tutto il mondo. Cisco ritiene che entro il 2020 il numerò salirà a 50 miliardi dove il 40% dei dati sarà generato da sensori e oggetti intelligenti. Dunque, una smart city che conterà un milione di abitanti genererà oltre 180 milioni di gigabyte di dati al giorno, quindi il fog compunting per l’elaborazione delle informazioni collegato al cloud sarà la chiave di volta per la crescita delle città e dei paesi nel mondo.

I servizi smart city ottimizzati sono s trasporti, parcheggio, illuminazione, traffico e gestione rifiuti, sicurezza e rafforzamento legislativo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore