Smau in taglia "small"

Aziende

Sarà nei padiglioni del Portello e non ancora nel nuovo polo fieristico di Rho. Tre i saloni: Business, Consumer, E-Government

La prima impressione nel vedere la piantina con disegnata l’area che Smau occuperà il prossimo ottobre è stata di stupore: solo 3 padiglioni più il centro congressi, tutti raccolti nell’area dell’ex Portello. Smau in taglia ridotta: niente più Piazzale Italia, niente più gli storici padiglioni 17, 11 e 12 dedicati all’informatica, niente più ingresso da Porta Metropolitana. Saranno i padiglioni 16, 15 e 14 con i loro ingressi “laterali” – Porta Scarampo, Porta Teodorico e Porta Colleoni ? a ospitare Smau 2005, dal 19 al 23 ottobre 2005. “Uno Smau completamente rinnovato ? ha dichiarato stamattina Alfredo Cazzola, presidente di Smau dallo scorso ottobre ? al quale stiamo lavorando in silenzio, per trovare una soluzione che soddisfi gli operatori del settore e le aspettative del mercato. Le aziende non sono state avare di critiche verso le edizioni passate e ci stanno elargendo consigli per il futuro”. Il primo grande cambiamento è di tipo organizzativo, frutto della lamentele degli operatori business e dei consigli dell’Advisory Board, composto da 30 aziende cult del settore (Microsoft, Hp, Zucchetti per fare qualche nome). Ci saranno tre saloni, che si svolgeranno in contemporanea ma in autonomia: Smau Business, da mercoledì 19 a sabato 22 ottobre, dedicato alle soluzioni per l’impresa e alle Pmi, accessibile agli utenti professionali e agli operatori (ingresso 15 euro ? Pad.14 e 15/2); Smau consumer, dedicato alla convergenza digitale e alla multimedialità (ingresso 10 euro ? Pad. 16 e 15/1) e Smau E-Government per le soluzioni digitali al servizio del cittadino: questi due saloni saranno aperti da mercoledì 19 a domenica 23 ottobre, ma nei primi due giorni solo per gli operatori mentre da venerdì 21 a domenica 23 per tutti. “Cercheremo di avere un pubblico omogeneo e profilato per ogni area ed è per questo che stiamo valutando nuove procedure di ingresso – ha precisato Cazzola -. Stop alla valanga di biglietti omaggio dati alle aziende espositrici: le omaggeremo di un numero di biglietti in base ai metri quadri dello stand, inferiore rispetto al passato ma comunque congruo”. Pochi convegni, che toccheranno tematiche puntuali, ma diversi seminari e workshop per i visitatori. L’Advisory Board ha fatto la parte da leone nel delineare questa nuova strategia, mentre poco peso sembrano avere associazioni e utenti. Ma Cazzola smentisce: “Incontreremo presto le principali associazioni, la stampa, gli uffici di pubbliche relazioni che lavorano con il mondo IT per discutere quali temi potremmo cavalcare durante lo Smau”. Temi che per Alberto Barzaghi, consulente del team Smau, potrebbero essere “convergenza, rapporto stato-cittadino in una chiave di servizio, pmi e banda larga”. L’approdo al nuovo polo fieristico di Pero-Rho, alle porte di Milano, è rimandato al 2007 (anche l’edizione 2006 sarà in città) dove Smau spera di occupare superfici “maggiori”. Visto la partenza in taglia “small”, se il nuovo piano industriale funzionerà, Smau non potrà che crescere.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore