Sms, l’eurotariffa da 11 centesimi è in arrivo

Autorità e normative

Dopo il taglio delle tariffe in roaming per le chiamate, Bruxelles sta per varare non solo un tetto massimo per il prezzo degli Sms, ma anche per Mms e trasmissione dati via cellulare e Internet

Dopo il taglio delle tariffe in roaming per le chiamate, l’Unione europea oggi dovrebbe decidere una nuova eurotariffa: innanzitutto, un tetto massimo da 11 centesimi (Iva esclusa) per il prezzo degli Sms, per combattere il caro-Sms; poi, per Mms e trasmissione dati via cellulare e Interne t.

Attualmente il prezzo medio degli Sms in Europa è di circa 29 centesimi: ma per inviare Sms dall’estero, si paga 6 centesimi dall’Estonia fino a 60 centesimi dal Belgio. Bruxelles vuole ridurre a circa un terzo il prezzo medio degli Sms.

Per la trasmissione dati (navigare su Internet, inviare email e scaricare dati), la Ue vuole arrivare al prezzo di un euro a Mbyte, contro gli attuali 2 euro.

Le nuove eurotariffe potrebbero entrare in vigore dal prossimo luglio 2009, subito dopo le elezioni europee, se Bruxelles riuscirà a far approvare la proposta ai ministri Tlc dei paesi Ue il prossimo 27 novembre.

Finora l’associazione degli operatori mobili, Gsma, capeggiata da Vodafone, ha portato avanti una battaglia contro le eurotariffe anche per Sms e trasmissione dati: addirittura, Vodafone ha affermato che i tagli del roaming siu ripercuoteranno sulle tariffe nazionali, facendo diventare il cellulare un lusso.

L’Unione europea ha perà risposto a queste critiche: il taglio delle tariffe roaming, a favore dei consumatori, potrebbe essere compensato con l’introduzione di nuove regole, come per esempio far pagare agli utenti anche le chiamate in ricezione (e non solo quelle in uscita, e

cioè

le chiamate effettuate).

Il sistema è già in uso neg li Stati Uniti e Viviane Reding, interpellata dal Financial Times, non lo esclude: “Perchè no?L’intero mercato è in fase di sviluppo, e così non dovremmo fossilizzarci su regole vecchie di 10 anni”.

Intanto Vodafone ha lanciato un allarme:l’idea della Ue di tagliare le tariffe di terminazione, si rivelerà un danno per gli utenti poveri. Se a sostenere il costo di una chiamata, sarà anche il ricevente, il telefono mobile diventerà un lusso: per pochi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore