Software a quattro ruote

Aziende

Anche se con alcune pause di riflessione il settore dell’automotive è destinato a una sempre maggiore informatizzazione. Tra wireless e soluzioni personalizzate vediamo quali potrebbero essere le opportunità per i reseller

Entro il 2010 nel mercato statunitense le auto prodotte avranno una base meccanica simile e si differenzieranno solo per quello che viene considerato “il bagaglio applicativo”. L’informatica insomma trionfa non più solo nella costruzione di automobili e nella loro vendita, ma anche all’interno dell’abitacolo: la Smart con lo schermo Dvd la conosciamo tutti, il navigatore, di serie o meno, l’abbiamo davvero in molti. Anche una ricerca condotta da Canalys sostiene che ancora oggi solo il 5% dei possessori di auto utilizzano un navigatore satellitare. Intanto le case automobilistiche cominciano a dotare i modelli di alta gamma di infrastrutture sempre più sofisticate. Nel 2005 Jaguar e Motorola hanno siglato un accordo per equipaggiare i veicoli con Jaguar Bluetooth System, creando un ambiente che integra le rubriche telefoniche del cellulare e integrato con l’impianto audio, il cui volume ammutolisce all’arrivo di una telefonata. Simile a questa la soluzione realizzata da Mopar per Daimler-Chrisler e chiamata U-Connect. Quello automobilistico, o dell’automotive come alcuni lo chiamano, è un mercato quindi che promette di essere interessante, anche se i tassi di crescita rimangono tutto sommato modesti. Perfino Idc ha dovuto ritoccare al ribasso i valori dati in uno studio. Secondo Idc la spesa It nel settore automobilistico dell’Europa occidentale avrebbe raggiunto la cifra di 7,4 miliardi di dollari nel 2005. È una cifra importante ma che è stata ridimensionata rispetto alle previsioni di giugno. Le aspettative di crescita annua sono così diventate negative (-0,3%) così come sono state ridimensionate quelle fino al 2009, che incassano una modesta previsione di incremento medio annuo pari all’1,3%. È soprattutto l’hardware a subire un contraccolpo negativo mentre il software tiene, anzi cresce del 4,2%, raggiungendo un valore di circa 1,8 miliardi di dollari, fatto di segmenti ad alta crescita e a bassa crescita. Non si registrano invece significative variazioni nella spesa per i servizi, destinata secondo Idc a un Cagr del 4% da qui al 2009.Più promettente, una stima di Abi Research pronostica l’installazione di tecnologie wireless su quasi 25 milioni di auto entro il 2008, dove trionferebbe lo standard Bluetooth e in seconda battuta l’802.11. Saranno proprio le tecnologie wireless secondo Abi Research a giocare un ruolo chiave nel settore dell’auto insieme alle soluzioni per l’intrattenimento di bordo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore