Software: dalla vendita di licenze all’abbonamento

Aziende

La modalità di vendita del software sta radicalmente cambiando e da un rapporto recentemente pubblicato da Idc risulta che entro il 2010 i software vendor realizzeranno la maggior parte dei propri profitti da contratti di pay per use piuttosto che dalla vendita di licenze. Circa il 43 per cento dei vendor dell’indagine Idc crede che

La modalità di vendita del software sta radicalmente cambiando e da un rapporto recentemente pubblicato da Idc risulta che entro il 2010 i software vendor realizzeranno la maggior parte dei propri profitti da contratti di pay per use piuttosto che dalla vendita di licenze. Circa il 43 per cento dei vendor dell’indagine Idc crede che la normativa contrattuale pay per use rappresenterà la maggior parte delle vendite nel giro di sei anni, affermazione confermata dal 26 per cento degli utenti, e questo nonostante l’indagine rilevi che il 75 per cento dei vendor intervistati oggi abbia principalmente nella vendita di licenze la propria fonte di reddito. Secondo l’autrice del rapporto, Amy Mizoras Konary, questo significativo cambiamento è determinato da una serie di fattori, in particolare i vendor si sono resi conto che questa modalità consente loro di prevedere con maggiore facilità il proprio fatturato (contrariamente a quanto può avvenire con la vendita di licenze), mentre gli utenti ritengono che essa risponda meglio alla loro necessità di poter avere budget destinati all’It sempre più flessibili. La complessità dei sistemi informativi degli utenti è, secondo Idc, un altro importante driver di questo cambiamento. Le medie e grandi aziende gestiscono circa 40 contratti software differenti e il 70 per cento di questi utenti si attende che la complessità nella gestione di questi contratti non possa che aumentare. La nuova formula contrattuale semplifica e riduce le attività di gestione da parte degli utenti. Un altro interessante indicatore della tendenza del mercato è che le grandi società di analisi finanziarie stanno guardando con sempre maggiore interesse questa modalità di vendita e Merrill Lynch ha annunciato che sta lanciando un nuovo indice azionario per seguire le aziende che vendono software tramite abbonamento.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore