Solo una briciola dei Big Data viene analizzata

AziendeDataMarketingMercati e FinanzaWorkspace
L'e-commerce dell'usato spopola in Italia

IDC analizza i Big Data: solo lo 0.5% oggi è usato proficuamente. I mercati emergenti primi produttori di dati nel 2020

I Big Data sono alla base della rielezione di Obama, riportato alla Casa Bianca anche grazie a una capillare analisi dei votanti. Ma dalla ricerca “Big Data, Bigger Digital Shadows, and Biggest Growth in the Far East”, pubblicata da IDC per Emc, emerge che oggi solo una frazione dei Big Data viene analizzata. Il 23 % pari a 643 exabyte di tutti i dati prodotti nel 2012 potrebbe rivelarsi proficuo per aziende e consumatori, ma dovrebbe essere “etichettato” (tagged) e trattato, per diventare una miniera d’oro di dati. E invece soltanto il 3% dei Big Data viene taggato e appena lo 0,5 % viene messo al nicroscopio.

Dispositivi mobili, come smartphone e tablet, fidelity card, videocamere di sorveglianza, bancomat, Sms, Voip hanno accumulato Big Data, generando un’esplosione dei dati sui consumatori. Ma solo lo 0,5% dei dati potenzialmente utilizzabili finisce per essere esaminato.

I Big Data potrebbero essere utilizzata, come ha dimostrato la campagna presidenziale di Obama, a riportare al voto elettori sfiduciati. Ma so dati preziosi anche per delineare scenari di mercato, per studiare comportamenti di mercato, e perfino per trovare criminali.

IDC prevede che entro il 2020 verrano generati 40 Zettabyte di dati, oltre del 14% le stime precedenti. Uno Zettabyte è pari a mille miliardi di Gb. Se si archiviassero 40 Zb sui dischi Blu-ray, peserebbero quanto la portaerei da guerra Nimitz. Ma la siicurezza è ancora un tallone d’Achille: per Idc “solo la metà dei dati che necessiterebbero di protezione, è effettivamente protetto”. Dalla Cina, entro il 2020, arriverà il 20 % di tutti i dati generati sul pianeta. Gli investimenti sull’ “infrastruttura” del Digital Universe – hardware, software, servizi, sistemi di telecomunicazioni e staff – aumenteranno solo del 40% tra il 2012 e il 2020. Al contrario, gli investimenti su aree mirate –  gestione dello storage, sicurezza, Big Data e cloud computing – cresceranno in maniera più rapida.

IDC analizza i Big Data: solo lo 0.5% oggi è usato @ shutterstock
IDC analizza i Big Data: solo lo 0.5% oggi è usato
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore