Sony Ericsson mette Uiq a disposizione di tutti

Mobility

Altre due compagnie licenziatarie sono Benq-Siemens e Motorola

IN UN FORTE TENTATIVO di sostenere l’indipendenza dell’interfaccia UIQ di Symbian, il nuovo proprietario Sony Ericsson ha invitato altre compagnie a investire su questo nome. Il produttore leader di cellulari spera di emulare il tipo di patto che Symbian strinse a suo tempo distribuendo la proprietà a diversi vendor capofila del settore. Dubitiamo che questa manovra possa funzionare come desiderato. Oltre Sony Ericsson, le altre due compagnie licenziatarie sono Benq-Siemens e Motorola. La prima ha sofferto di grossi problemi finanziari cercando di assorbire la vecchia Siemens, mentre Motorola aveva già venduto, precedentemente, la sua partecipazione a Symbian. Il capo di UIQ Johan Sandberg afferma che il consolidamento di Sony Ericsson le sta consentendo di investire nella realizzazione della propria comunità di sviluppatori. Non solo questo porta a realizzare nuovi tool di sviluppo e a migliorare la documentazione, ma significa la presenza di nuovi tecnici capaci di fornire aiuto e supporto. In particolare Sanberg ricorda che è più facile portare applicazioni scritte per la serie 60 di Nokia di quanto la maggior parte delle persone si aspetterebbero. Ancora meglio, UIQ può adesso offrire consigli e supporto su come passare da piattaforme Microsoft a UIQ. “Stiamo lavorando a un ecosistema che già esiste attorno a Sony Ericsson, Symbian e, adesso, Motorola”, afferma Sandberg, “e speriamo che sempre più investitori possono guardare a questa iniziativa come a un buon affare”. Altre informazioni le trovate qui .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore