Sony ancora in perdita, per la prima volta sospende il dividendo

AziendeMarketingMercati e Finanza
Sony valuta la cessione della divisione Mobile
0 0 Non ci sono commenti

Il rosso si allarga a 2,1 miliardi di dollari. Sony sospende il dividendo, una consuetudine che continuava dal lontano 1958

Sony rimane in profondo rosso: prevede una perdita da 2,1 miliardi di dollari per l’anno fiscale. La situazione è talmente grave da decidere, per la prima volta nella sua storia, di sospendere il dividendo, una consuetudine che durava dal lontano 1958. Il colosso giapponese dell’elettronica di consumo, guidato dal Ceo Kazuo Hirai, è ancora in perdita, a causa del business di Tv e smartphone.

Il business Mobile è in rosso per stare al passo con la concorrenza di player come Apple e Samsung.

Questo è il sesto profit warning lanciato da Sony. La divisione smartphone fatica a ritornare al profitto: “Ma non sono gli unici vendor di smartphone sotto pressione” spiega la società d’analisi Canalys; ma con una buona ristrutturazione e una rifocalizzazione sui prodotti al giusto prezzo, non è affatto una missione impossibile. Anche la sud-coreana LG e la taiwanese HTC hanno saputo tornare al profitto dopo vari trimestri di difficoltà.

I Sony Xperia, da poco rinnovati con il nuovo elegante top di gamma Xperia Z3, accompagnato da una nuova versione dello smartwatch, non hanno venduto tanto in Cina, a causa dell’agguerrita competizione dei vendor locali, come Xiaomi, Lenovo e Huawei.

Sony Xperia Z3
Sony Xperia Z3

Sony prevde prevede di tagliare lo staff nell’unità mobile del 15% per ridurre i costi. In difficoltà è anche il business Tv di Sony, mentre la nuova Playstation 4 (Ps4), dopo aver superato Xbox One e Nintendo, ha riconquistato lo scettro del mercato console, grazie a 10 milioni di unità vendute.

Sotto la guida del Ceo Kazuo Hirai, in carica dal 2012, Sony ha venduto asset non più centrali, fra cui il business dei Pc.L’unità Tv invece è stata definita core business.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore