Sony protegge i CD

CloudServer

Una società britannica sta collaborando con Sony per sviluppare la tecnologia di prossima generazione per la protezione del copyright dei CD

La nuova tecnologia dovrebbe consentire ai CD di essere copiati solo un numero limitato di volte prima di bloccarli definitivamente. La software house First4Internet con sede a Oxfordshire ha realizzato il software che dovrebbe consentire alle case discografiche di controllare la copia dei file, e l’esecuzione delle copie di backup. Il software di protezione dovrebbe quindi consentire agli utenti di eseguire una o più copie di backup dei CD musicali, e di effettuare copie dei file audio dal supporto ottico al proprio hard disk solo un numero limitato di volte. Questo risultato potrebbe essere ottenuto senza distribuire all’esterno il software di gestione, e il numero di copie eseguibili verrebbe deciso dalle stesse case discografiche. Un’attenzione particolare è stata dedicata alla verifica che il software sia compatibile con i lettori CD attualmente disponibili sul mercato. Il software di protezione è infatti compatibile con gli standard Sony, Philips e con le specifiche RIAA. First4Internet sta rendendo disponibile un servizio analogo per consentire alle compagnie di registrazione di proteggere i propri master in modo che non possano essere copiati e distribuiti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore