Sony sceglie ancora Transmeta

Workspace

Dalla casa giapponese un nuovo modello con il processore Crusoe per il mercato americano

Lo scorso autunno la Sony è stata la prima azienda produttrice a portare negli Stati Uniti un computer portatile con un processore Transmeta, il Vaio PCG-C1 Picture Boo, su cui era montato un chip Crusoe da 600MHz. Il secondo notebook di questa serie, il Vaio PCG-C1VP PictureBook, già distribuito sul mercato giapponese da alcuni mesi, monterà un Crusoe da 667 MHz e sarà commercializzato negli Stati Uniti a partire dal prossimo mese al prezzo di 2000 dollari. Transmeta rappresenta lultimo tentativo di irrompere sul competitivo mercato dei microprocessori e farsi largo fra Intel e Advanced Micro Devices, e pare ci stia riuscendo parecchi produttori di notebook, fra cui Toshiba, NEC e Casio, hanno adottato processori Transmeta per alcuni loro modelli. Questi modelli però, appartengono alla categoria dei portatili leggeri e ultrasottili, che certo non vendono su larga scala. Per sfondare sul mercato dei processori per notebook, osserva lanalista di IDC, Alan Promisel Transmeta dovrebbe riuscire a far montare i suoi processori sui portatili di dimensioni maggiori, cioè quelli dotati di due o più slot per drive e batterie. Il nuovo PictureBook della Sony è dotato di uno schermo a matrice attiva da 8.9 pollici, di un hard-disk da 15 Gb, 128 Mb di SDRAM e 8 Mb di memoria video.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore