Sony si scusa per Playstation Network e promette risarcimenti

AziendeMarketing
Kazuo Hiray, Ceo di Sony

I servizi di gaming online di Playstation Network ripartiranno: la maggior parte in settimana e tutti entro fine giugno. Risarcimenti pronti per gli utenti di Psn. Sulle carte di credito, nessuna prova di furto

Kazuo Hirai, chairman di Sony Computer Entertainment e in pole per diventare il prossimo Ceo, ha tenuto una conferenza stampa a Tokyo esprimendo le proprie scuse agli utenti di Playstation Network coinvolti in una sofisticata intrusione nei server di San Diego. Sony promette che i servizi di gaming online di Playstation Network ripartiranno, con livelli di sicurezza rafforzati: la maggior parte in settimana e tutti entro fine giugno. Ma sulle carte di credito, Sony appare scettica, dice che non ci sono prove né di furti d’identità né furti alle carte di credito, e per ora ritiene che l’allarmismo sia ingiusticato nonostante i timori avanzati da Trend Micro per il “giallo” di un database in vendita nei forum underground. Sony sta comunque collaborando con l’Fbi. Per recuperare credibilità, Sony si cautela: promette incentivi e si scusa per la violazione dei dati personali di circa 78 milioni di utenti. I dati delle carte di credito attaccati a Psn sono 10 milioni su 70 milioni di utenti del network e sono crittografati, e ancora Sony ritiene che non debbano considerarsi a rischio.

Dunque, Sony spera che gli avvistamenti in Rete  e le denunce di addebiti sulle carte di credito, non abbiano alcun collegamento con la compromissione ai danni dei suoi server. Nel frattempo cerca di recuperare la fiducia degli utenti, infuriati in quanto il primo allarme (warning) ufficiale sulla violazione è arrivato dopo sei giorni dall’attacco. Il ritardo dell’allarme ha catalizzato l’interesse del Parlamento Usa, del governo della città di Taipei (Taiwan) e dei Garanti Privacy inglese, canadese e italiano. Una causa è stata depositata a San Francisco.

Sony offrirà alcuni contenuti gratis, inclusi 30 giorni di sottoscrizione gratuita al servizio Premium ed in alcune regioni anche “credit card-renewal fees”, ma ha aggiunto he i rimborsi saranno offerti solo a chi ha sofferto il black-out. I primi servizi PSN a tornare online saranno la possibilità di giocare online per PlayStation 3 e PlayStation Portable, la possibilità di vedere i film scaricati da PSN, e i video noleggi attraverso PSN e Qriocity, oltre alle funzionalità di chat.

Il titolo di Sony, dopo una settimana di ribassi, ha recuperato terreno registrando una crescita del 2.5%.

Dì la tua in Blog Café: Le figuracce di Sony e non solo

Sony chiede scusa agli utenti di Psn
Sony chiede scusa agli utenti di Psn
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore