Sony Vaio Ra104

LaptopMobility

L’interpretazione di Sony del sistema multimediale per la famiglia

Questo Pc è destinato all’impiego in ambiente domestico, progettato secondo criteri molto avanzati sia per quanto riguarda il design che per l’ergonomia. Nella parte posteriore, per esempio, sono posizionati tutti i connettori che solitamente sono destinati a periferiche fisse, mentre nella parte anteriore sono presenti due pannelli di collegamento per connettere dispositivi e unità da utilizzare “al volo”. Eliminate le rumorose ventole che affliggono la maggior parte dei computer attualmente sul mercato, Sony ha implementato un sistema di raffreddamento, per i componenti interni, e soprattutto per la Cpu, molto interessante. Per raffreddare il processore Intel Pentium 4 560 con frequenza interna a 3,6 GHz utilizzato in questo computer, è stato adottato un sistema a liquido, collegato a un radiatore di generose dimensioni che viene raffreddato da una ventola con diametro di 12 cm. Grazie alla portata d’aria di quest’ultima, la velocità di rotazione viene mantenuta estremamente bassa, tanto che bisogna essere molto vicini al computer e in un ambiente piuttosto silenzioso, per sentirne il rumore. Anche per gli altri componenti interni a più elevata generazione di calore, come alimentatore, hard disk e scheda video si è seguito lo stesso principio, ottenendo complessivamente un sistema stabile dal punto di vista del calore generato, ma estremamente silenzioso. L’ingegnerizzazione del cabinet è senza dubbio originale vista la scelta di suddividerlo in due sezioni, in mezzo alle quali c’è uno spazio vuoto utilizzato per garantire il flusso d’aria interno. Nella zona inferiore del cabinet sono presenti tutti i componenti elettronici tipici di un personal computer, mentre nella parte superiore sono posizionati il radiatore di raffreddamento della Cpu (nella zona posteriore), l’unità Dvd-Rw Dual Layer Sony Dw-D18a e l’unità Dvd-Rom Lg Gdr8162b. Malgrado la compattezza, l’interno offre sufficiente spazio per aggiungere al sistema altri dischi rigidi, se quello fornito in dotazione non fosse sufficiente a contenere i propri dati. Anche questa sezione dispone di una ventola di raffreddamento dedicata. Di serie è fornito un disco rigido Western Digital Wd2500jd con capacità standard di 250 Gbyte. La velocità di rotazione è di 7.200 Rpm, dispone di 8 Mbyte di cache e l’interfaccia di collegamento è di tipo Serial Ata. A fianco di questo vi è spazio per alloggiare altri due dischi rigidi, sempre sfruttando l’interfaccia Serial Ata messa a disposizione dalla scheda madre. Un terzo disco rigido interno può essere aggiunto eliminando il floppy drive. La scheda madre è basata sul chipset i915, che contraddistingue la linea mainstream di Intel. L’accesso alla memoria Sdram Ddr con clock a 400 MHz avviene su doppio canale. Di default sono già installati due moduli da 512 Mbyte, che mettono a disposizione dell’utente complessivamente 1 Gbyte di memoria. L’espansione è garantita dalla presenza di altri due slot a 184 pin. Il quantitativo già installato è adatto all’utilizzo di un’ampia gamma di applicazioni, anche nell’elaborazione audio e video amatoriale, indirizzo primario di questo personal computer. La gestione delle connessioni con periferiche esterne e unità interne è affidata al chip Intel Ich6. Oltre ai connettori per dispositivi interni Serial Ata e Parallel Ata (questi sono utilizzati dai drive Dvd-Rom e Dvd-Rw), sono a disposizione sette porte di tipo Usb 2.0, due porte FireWire 400 e una porta di rete, controllata invece dal processore Intel/Pro 1000 MT. Non manca un lettore di flash card che permette di leggere la maggior parte dei formati presenti sul mercato e uno slot di tipo Pcmcia. La possibilità di espansione delle schede interne è praticamente inesistente, a meno di eliminarne alcune tra quelle già installate, dato che dei tre slot presenti (due Pci e uno Pci Express x1) uno risulta già occupato dalla scheda di acquisizione video integrata, mentre installare una scheda di qualsiasi tipo nello slot libero significa bloccare o limitare decisamente il flusso d’aria al dissipatore attivo della scheda video. Eliminando il modem integrato, compatibile con il protocollo Itu V.90, è però possibile installare una scheda sul bus Pci Express x1. La scheda video è una Ati Radeon X600XT capace di registrare 4.208 punti con la suite di test 3DMark2003. La memoria dedicata è di 128 Mbyte e il collegamento alla scheda madre avviene attraverso il bus Pci Express x16. Molto interessante risulta la soluzione proposta per l’implementazione della scheda di acquisizione video, che può registrare da sorgenti analogiche o direttamente da segnale televisivo. Anziché relegare tutte le connessioni di input nella parte posteriore del computer, alcune di queste (S-Video, video composito e audio stereo) sono replicate nella parte anteriore, come anche buona parte delle porte Usb, il card reader e una porta i.Link. In questo modo la connessione di dispositivi video analogici e digitali non richiede operazioni complesse. A completamento della dotazione hardware, Sony completa questo computer con diversi dispositivi per l’utilizzo da remoto. In particolare sono disponibili un Wireless Lan Access Point Pcwa- A320 e un Wireless Lan Converter Pcwa-De30, entrambi con supporto al protocollo 802.11g, che permettono di collegare il dispositivo Vaio Network Media Receiver (Nmr) a distanza, senza la necessità di utilizzare cavi. La programmazione dei dispositivi wireless (conformi allo standard Wi-Fi) può essere semi automatica, se si dispone di uno switch di rete. In sua mancanza è necessario utilizzare il programma dedicato per programmare entrambi i dispositivi, collegando prima l’uno e poi l’altro all’interfaccia di rete del computer Vaio Ra104. L’utilizzo dell’Nmr consente l’accesso in modalità remota ai file multimediali conservati all’interno del computer, per la visione su monitor dedicato, ovvero un televisore oppure un altro computer Vaio. Nelle intenzioni di Sony, questo è uno dei punti principali del modello Vaio Ra104: fornire il servizio di file server all’interno della propria casa. Una volta installato e configurato, l’interazione con l’Nmr avviene via telecomando e un secondo telecomando può essere utilizzato per pilotare direttamente il computer, una volta collegato il ricevitore a infrarossi. Tramite la semplice interfaccia video dell’Nmr è possibile accedere ai file memorizzati per visualizzare un slideshow di foro, ascoltare musica oppure vedere dei filmati video, registrati dai canali televisivi oppure da altre sorgenti. Una volta selezionato il tipo di file, questo viene trasmesso in rete dal Pc e decodificato dall’Nmr per essere riprodotto sul dispositivo collegato (impianto stereo o televisore/monitor multimediale). Togliamo subito un dubbio: non è possibile vedere in questo modo dei film direttamente da Dvd. Tutte queste funzioni sono rese possibili dall’utilizzo di una suite di programmi, ognuno dei quali è destinato a un compito particolare. Se il programma Vaio Media fornisce il servizio di accesso ai dati già memorizzati, per la registrazione di filmati video si utilizzano i programmi Giga Pocket e Dvgate Plus. Una volta registrati gli stream video possono essere convertiti nei formati Mpeg1, Mpeg2 e Avi. Per i brani audio il programma SonicStage si occupa di convertire e memorizzare le sorgenti audio (Cd, mp3 o altro formato). Le fotografie possono essere registrate attraverso l’uso della suite PictureGear Studio Photo Collection. Purtroppo, diversamente dal metodo di consultazione Vaio Media, per la registrazione dei dati multimediali, il sistema non dispone di un’interfaccia comune di utilizzo e ogni programma è indipendente e gestito in modo diverso, con il rischio di generare qualche confusione negli utilizzatori.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore