Sophos pubblica la top ten di febbraio

firewallSicurezza

Sono in crescita le minacce a scopo di lucro che mescolano virus e spam

Sophos consiglia di fare attenzione a Clagger-G, il Trojan balzato in un mese all’ottavo posto in classifica. In vetta comanda ancora Netsky-P, mentre il virus Kamasutra, Nyxem-D, che usa travestimenti erotici continua ad avere una notevole spinta propulsiva. La classifica, basata sui dati raccolti dai SophosLabs, la rete globale dei centri di monitoraggio Sophos, mostra che il Trojan Clagger-G, entrato a febbraio in top ten, conferma che le attuali minacce a scopo di lucro utilizzano una combinazione di malware e tecnologia spam. Nyxem-D, ovvero il worm Kamasutra, rilevato per la prima volta lo scorso 18 gennaio, possiede ancora un notevole impatto, essendo responsabile del 9,3% del malfare globale registrato in febbraio. Netsky-P, dalla prima rilevazione nel marzo 2004, non ha mai smesso di creare danni agli utenti non protetti. “Per comparire nella top ten, il Trojan Clagger dev’essere stato inviato a milioni e milioni di indirizzi e-mail in tutto il mondo”, afferma Walter Narisoni, Security Consultant di Sophos Italia. Bagle-Zip è rientrato in classifica al terzo posto mentre Bagle-CH, rilevato per la prima volta il 7 febbraio, è entrato in classifica al settimo posto. Dalle rilevazioni di Sophos risulta che l’1,1% delle e-mail, vale a dire 1 su 90, è infetta. Attualmente l’azienda identifica e protegge da 119.192 virus, con un aumento di 1132 unità rispetto al mese precedente. “Il falso allarme Olympic Torch ha tormentato gli utenti in febbraio, sulla scia della risonanza mondiale delle Olimpiadi invernali”, continua Narisoni, “Molti utenti sono stati presi dal panico quando si sono ritrovati di fronte a questo falso allarme che avvisa i destinatari di stare in guardia contro le e-mail aventi come oggetto “Invito”, affermando che è il virus più distruttivo mai esistito. Questi messaggi non solo rubano spazio di rete, ma fanno anche perdere tempo dando inutili preoccupazioni alle loro vittime”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore