Sos malati di Internet

Sicurezza

Tra le nuove dipendenze patologiche ne stanno emergendo alcune legate a
Internet e al suo mondo e alcuni centri specializzati hanno inserito programmi
di disintossicazione

Sembrerà strano ma oggi ci si può addirittura ammalare di Internet, tanto che alcuni centri specializzati hanno inserito queste nuove dipendenze patologiche nei propri programmi di disintossicazione. Tranquilli la sera davanti al proprio Pc, o distraendosi durante la giornata al lavoro ci si può quindi trovare, senza accorgersene, dipendenti dalle chat, dal sesso virtuale, dai giochi d’azzardo online o dai web games. Tra i numerosi rischi legati alla sicurezza, Internet ne introduce quindi alcuni legati al nostro vivere quotidiano e alla nostra personalità, e anche questi, al pari di virus e attacchi informatici, non sono assolutamente da ignorare e trascurare.

Internet Addiction Disorder

E’ questo il nome con il quale è indicata la patologia più comune legata all’utilizzo di Internet. Ne siete afflitti? Beh uno dei sistemi più semplici per farsi venire qualche dubbio è quello di cercare di rispondere alle seguenti domande:

1. sentite il bisogno di trascorrere un tempo sempre maggiore in rete per ottenere soddisfazione; 2. provate una sensibile riduzione di interesse per altre attività che non siano Internet; 3. avete notato lo sviluppo, dopo la sospensione o diminuzione dell’uso della rete, di agitazione psicomotoria, ansia, depressione, pensieri ossessivi su cosa accade on-line 4. avvertite la necessità di accedere alla rete sempre più frequentemente o per periodi più prolungati rispetto all’intenzione iniziale; 5. vi trovate nell’impossibilità di interrompere o tenere sotto controllo l’uso di Internet; 6. disperdete grande quantità di tempo in attività correlate alla rete; 7. continuate a utilizzare Internet nonostante la consapevolezza di problemi fisici, sociali, lavorativi o psicologici recati dalla rete.

Insomma, se siete tra quelli che appena arrivano a casa dall’ufficio accendono il computer per connettersi a Internet e riprendere la chiaccherata in messenger con gli amici, o per continuare le attività di un Web Game, allora potete iniziare a farvi venire il dubbio che ci sia qualcosa che non quadra. Se poi, dopo esservi connessi a Internet con l’idea di svagarvi per qualche minuto, vi trovata ancora connessi dopo ore, allora decisamente una qualche forma di dipendenza potrebbe esserci. Queste considerazioni sono state messe a punto dal Centro Studi e Ricerche di Psiachiatria, Psicologia e Psicoterapia “Nostos” ( www.dipendenze.com ) e sollevano numerosi e inquietanti interrogativi. In particolare, diverse ricerche hanno evidenziato come molte volte i soggetti che utilizzano le rete, oltre a non rendersi conto delle diverse ore già trascorse dinanzi allo schermo, tendono ad alterarsi facilmente con chi disturba la loro attività;esperienza questa che può essere paragonata alla risposta del fumatore che dice a se stesso “solo un’ultima sigaretta e andrò a dormire. Altra caratteristica importante tra gli internet dipendenti è la negazione del problema come spesso accade con qualunque altro tipo di dipendenza. Ogni giorno molti utenti rischiano di allontanarsi dai rapporti interpersonali reali, indispensabili per una vita sana e socialmente equilibrata, preferendo relazioni virtuali; queste inevitabilmente portano a una spersonalizzazione e ad una proiezione del proprio SE in un luogo non fisico che, data la facilità, la velocità e l’ampiezza geografica dei rapporti il soggetto preferisce. L’utente, nascondendo la propria individualità dietro al proprio monitor, si sente più protetto, più sicuro. Non per nulla fenomeni come quello di Second Life, dove sono già più di due milioni gli utenti registrati nel “mondo” creato dalla società Linden Lab nel quale sono sbarcati grandi produttori It, come Ibm, e la prima ambasciata virtuale svedese, stanno riscuotendo un successo senza precedenti. La possibilità di agire nell’anonimato, di poter essere qualcuno che nella vita reale è irraggiungibile, e la certezza di poter sempre trovare qualcuno con il quale interagire, sono solo alcuni dei motivi che spingono sempre più persone a ‘perdersi’ in Internet.

Cybersex e altri disordini

Nel cybersex addiction, rientrano diverse tipologie di comportamenti, che spesso non presentano caratteristiche omogenee tra loro. Il Cybersex, in maniera molto superficiale, può essere considerato, tutto ciò che di sessuale è possibile svolgere nella Rete, in particolare le Chat sessuali. La garanzia dell’anonimato rende particolarmente disinibiti soggetti che nella vita reale appaiono timidi e impacciati. Il potersi improvvisamente liberare dai limiti che si incontrano giornalmente nella vita reale può comunque generare disorientamento e incentivare comportamenti ‘anomali’. Si tratta di disturbi che possono avere un’esistenza anche nella vita reale, a prescindere dal pc, ma ciò che li rende particolarmente accentuati in questo caso, sono le caratteristiche proprie della Rete, di anonimato e di estrema facilità nell’accedere ai servizi. Si tratta di disturbi propriamente compulsivi, che possono diventare per il soggetto il centro della propria esistenza. Nonostante questa fase sia caratterizzata in parte da una partecipazione attiva del soggetto, quest’ultimo si muove comunque in un ambiente statico, progettato da altri, in cui l’unica cosa che si può fare è richiedere al sistema risposte a domande ed esigenze. L’utente si trova ad osservare e vivere in un mondo pensato da altri in cui il soggetto non è altro che uno spettatore passivo, e questo, può contribuire ulteriormente alla comparsa o all’evidenziazione di comportamenti patologici. Al cybersex Addiction Disorder possono comunque essere affiancati numerosi altri disturbi del comportamento come per esempio la dipendenza verso i giochi di azzardo online o i cosidetti Web Game. Il gioco d’azzardo virtuale per esempio esiste da quando si è diffuso l’utilizzo d’Internet: disponendo di un personal computer, di un collegamento ad Internet e di una carta di credito è possibile puntare e scommettere su tavoli verdi virtuali della roulette o giocare con slot machines on line stando comodamente seduti a casa propria. La pericolosità di tale fenomeno risiede nel fatto che il giocatore on line, soddisfacendo il desiderio di sentirsi svestito dal pregiudizio sociale negativo che accompagna i frequentatori di casinò, libero, nella comodità dei suoi spazi, di scommettere 24 ore su 24, può incorrere ad un uso incontrollato e inopportuno del gioco on line. Da una stima si contano circa 700 casinò virtuali, ma come spesso accade con le stime riguardati Internet, sono molto approssimative; si gioca puntando con la carta di credito, quindi in maniera discreta e solitaria. Una categoria particolarmente a rischio è rappresentata dai giovani. In Italia non esiste una normativa che proibisca o regoli la diffusione del gioco d’azzardo on line. Internet ha aperto le porte, inoltre, al tradizionale gioco del Lotto: si gioca accedendo ai siti che funzionano da vere e proprie ricevitorie virtuali. Cliccando, per esempio, su Totoservice si può giocare al Lotto, al Totocalcio, al Totogol, al Totip, Tris e SuperEnalotto. Insomma, attraverso Internet è possibile rovinarsi standosene tranquillamente seduti davanti al proprio Pc, nell’intimità dei propri affetti e senza accorgersene, se non quando è troppo tardi.

Conclusioni

Ultimamente ha suscitato clamore la notizia che Bill Gates ha imposto dei limiti orari nell’utilizzo di Internet ai propri figli. Sul fatto che Internet oltre a una comprovata utilità nasconda anche pericolose insidie non vi sono dubbi. In questi ultimi anni abbiamo assistito alla nascita di una nuova tecnologia che ha ampliato le possibilità di comunicazione e di accesso alle f o nti di informazione fino ad ora sconosciuto. Il processo che stiamo vivendo apre scenari che fino a poco tempo fà erano impensabili e sicuramente i vantaggi che si trarranno da questo nuovo mezzo tecnologico permetteranno all’uomo di sviluppare capacità e potenzialità fino ad ora neanche immaginate. Ma, purtroppo, ogni medaglia ha il suo rovescio; infatti sembra che il rapido sviluppo di questo processo stia producendo dei fenomeni psicopatologici che si esprimono con una sintomatologia simile a quella che osserviamo in soggetti dipendenti da sostanze psicoattive. I comportamenti, le motivazioni e le reazioni dei nuovi malati di Internet sono infatti pericolosamente confrontabili con quelli di soggetti che dipendono da alcool, fumo e droghe.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore