Sp2 non blinda Internet Explorer, FireFox ne approfitta

NetworkProvider e servizi Internet

La sfida a IE riparte dal New York Times, ma FireFox è già forte di 5 milioni di download in poche settimane. Internet Explorer 6.0 non è al sicuro neanche con Sp2

Due nuove vulnerabilità minano Internet Explorer, anche quando è protetto da Service Pack 2 per Windows Xp. Non c’è pace per il browser di casa Redmond: la società danese Secunia ha lanciato il nuovo allarme che riguarda due vulnerabilità, una nelle funzionalità drag and drop, l’altra sul fronte della sicurezza. E sfruttando questi bug, neanche Sp2 è in grado di blindare il browser. Secunia raccomanda gli utenti di Internet Explorer 6.0, in attesa di patch, di disabilitare Active X oppure passare a Mozilla o Firefox. Giunto alla versione 1.0, Firefox, per nome di Mozilla Foundation, si butta sull’advertising. E presenta un progetto ambizioso per acquisire nuovi utenti e allargare il proprio raggio d’azione. Approfittando delle debolezze di Internet Explorer che vede ogni mese incrementare le scoperte di vulnerabilità e le patch da applicare, Firefox si lancia in un’avventura mediatica forte: acquistare un’intera pagina Web del New York Times per una pubblicità degna delle campagne di marketing dei software proprietari. L’acquisto di una pagina di un giornale per supportare un piccolo, ma di belle speranze, browser open source, sta facendo il giro del mondo: in realtà si tratta di un’iniziativa di Found raising (costerà 30 dollari, 10 per gli studenti, aggiungere il proprio nome alla pagina dei sostenitori di Firefox). Mozilla e Firefox hanno raddoppiato in nove mesi la propria quota di mercato, che si attesta intorno al 15%: le stime sono di W3Schools. Ma anche WebSideStory ha recentemente confermato l’erosione di consenso e d’impiego di Internet Explorer a favore di Mozilla e Firefox.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore