Spam record a dicembre: l’allarme di Cerf

CyberwarSicurezza

Anche i dati di Symantec Spam Report sono in linea con le analisi del padre
del protocollo Tcp/IP, che a Davos ha previsto il collasso di Internet a causa
dei Pc zombie

Secondo Vint Cerf, padre del protocollo TCP/IP, sorprende che la Rete funzioni ancora.Su 600 milioni di computer collegati alla Rete, un quarto è zombie. Lo ha affermato lo stesso Cerf a Davos. La proliferazione di botnet è allarmante e potrebbe avere effetti catastrofici portando al collasso Internet. L’attività di spam relativa al mese di dicembre 2006, rilevata da Symantec Spam Report, è stata particolarmente consistente, con tendenze già rilevate per i mesi precedenti ed alcune novità. L’image spam continua ad essere prevalente, con una percentuale pari al 35% di tutto lo spam che circola in rete. Lo spam continua a costituire un’alta percentuale del traffico email, con un picco di 80 messaggi su 100 in Dicembre. Le tecniche Captcha sono state usate nell’image spam per arginare le tecnologie OCR (Optical Character Recognition). Si è verificato un aumento negli attacchi di spam veicolati tramite delle newsletter all’apparenza legittime.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore