Spid al via: Pin unico, dal fisco alla sanità

Autorità e normativeNormativa
Spid al via: Pin unico, dal fisco alla sanità
0 0 Non ci sono commenti

La Riforma della PA, approvata con 145 sì e 97 no, consente di pagare le bollette con un Sms. Parte anche il Pin unico, dal fisco alla sanità

La Riforma della PA, approvata in via definitiva con 145 sì e 97 no (e nessun astenuto), consente di pagare le bollette con un Sms e vara il Pin unico: simboleggiato dal logo di un lucchetto, il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale (Spid) consentirà l’accesso con Pin unico ai servizi online della PA, dal fisco alla sanità.

Spid al via: Pin unico, dal fisco alla sanità
Spid al via: Pin unico, dal fisco alla sanità

Punti salienti della Riforma della PA sono la trasparenza amministrativa, il libero accesso ai documenti e ai dati della Pubblica amministrazione (PA). Tutti potranno accedere, anche in Rete, a documenti e dati della PA.

I dirigenti non avranno più incarichi a vita e potranno essere licenziati nel caso in cui l’ultimo incarico ricoperto riceva una valutazione negativa.

Nasce la carta della cittadinanza digitale, mentre le micro-bollette (sembra sotto i 50 euro) potranno essere pagate via credito telefonico.

Nasce il numero unico per le emergenze: sarà sufficiente digitare il 112 per chiedere aiuto in ogni circostanza, mentre saranno aboliti gli altri numeri (113, 115, 118).

Le regole del Pin unico, firmate dall’Agid, in accordo con il Garante della Privacy, dettano la linea su tempi e procedure, hanno emanato i provvedimenti relativi alle specifiche dello Spid, prevedono l’accreditamento dei gestori di identità digitale e stabiliscono le norme necessarie agli identity provider per il riutilizzo delle identità digitali già esistenti.

“La prima identità digitale sarà rilasciata a dicembre, questo è il nostro obiettivo” ha spiegato il dg Agid, Antonio Samaritani: dal 15 settembre si inaugura l’accreditamento per i gestori di Spid.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore