Spring aspira a diventare l’Instagram della moda

ManagementMarketingNetwork
Spring porta i marchi della moda su iOS
0 0 Non ci sono commenti

Spring non è un social network, ma un luogo per fare shopping. L’app porta le marche della moda nel Mobile

Spring, l’app lanciata da David Tisch, batte sul tempo il bottone Compra di Facebook: Sprig ha infatti l’ambizione di diventare l’Instagram della moda. A postare foto sono già decine di marchi della moda, che puntano nel social shopping da dispositivi mobili. Una trentina di brand del fashion come Levi’s e Hugo Boss sono pronti per sbarcare su Spring, che conterà 70 marchi al debutto e 450 a gennaio: un’app che “non è un prodotto social, non è un social network. È un luogo per fare shopping”, come lo ha definito Tisch sul sito Quartz.

David Tisch, in un’intervista a Forbes., ha detto che Spring vuole migliorare l’esperienza dello shopping. Il sito ha raccolto 7.5 milioni di dollari in fondi di venture capital.

Spring punta ad aggiudicarsi commissioni pari a circa l’8% su ogni acquisto. Ogni brand controllerà il proprio profilo su Spring, aggiornando  le foto e i prezzi e dedicandosi alle modalità di spedizione.

Spring porta i marchi della moda su iOS
Spring porta i marchi della moda su iOS

Nei primi 8 mesi del 2013 gli acquisti online di prodotti di moda e abbigliamento si sono impennati del 25,5% rispetto allo stesso periodo del 2012. In un anno oltre 1 milione di italiani ha acquistato online almeno una volta nella vita un prodotto di abbigliamento e di moda. Gli eFashion Shopper regisrano un balzo del 14,5% rispetto a ottobre, e raggiungono un totale di quasi 9 milioni. Le transazioni mobile rappresentano il 18% degli acquisti di prodotti di moda e abbigliamento, contro una media del 10%.  Si attestano a 13,2 milioni gli italiani che hanno scelto l’e-commerce per i loro acquisti nell’ultimo trimestre. Si stiama che abbiano speso oltre un miliardo di euro con cadenza mensile nel corso del 2013. Questi sono i dati salienti dell’ indagine condotta da Human Highway per Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore