Stampare in bellezza

LaptopMobility

Il design amichevole delle nuove stampanti Canon nasconde una nuova tecnologia di stampa.

Se il nostro destino è quello di vivere in una casa digitale, speriamo almeno che non abbia l’aspetto di un ufficio o di un laboratorio. Le periferiche del futuro dovranno avere un aspetto gradevole e potersi “mimetizzare” in maniera discreta dopo l’uso. Questo è uno degli obiettivi che si propone la nuova linea di stampanti Canon, battezzata Pixma, caratterizzata da un design di qualità e dalla possibilità di far rientrare tutte le sporgenze quando l’apparecchio è inutilizzato, trasformandolo in un parallelepipedo poco ingombrante. Anche la disposizione dei collegamenti sul lato corto contribuisce all’ergonomia dell’oggetto, e consente di accostare la stampante alla parete minimizzando lo spazio occupato. I vantaggi della linea Pixma non sono solo estetici. Tutte le stampanti adottano una nuova tecnologia di stampa battezzata FINE (Full-photolitography Inkjet Nozzle Engineering), questo vuol dire che la fabbricazione dell’ugello a getto di inchiostro è del tutto fotolitografica. La testina di stampa viene prodotta con tecnologie simili a quelle utilizzate nella fabbricazione dei processori, e ciascun ugello è quindi in grado di emettere gocce della dimensione di 2 picolitri (o anche inferiore nei modelli di fascia più alta). Gocce così piccole permettono di ottenere risultati migliori per risoluzione, nitidezza e velocità di stampa. Tra le altre tecnologie degne di nota segnaliamo: ContrastPLUS che permette, di migliorare il contrasto delle immagini grazie all’utilizzo di due diversi tipi di inchiostro nero, e PictBridge che permette la stampa di immagini direttamente dalle macchine fotografiche compatibili, senza passare per il computer. Il modello da noi provato è il Pixma IP4000, una stampante fotografica in quadricromia. Come sempre nei modelli Canon, le cartucce dell’inchiostro (cinque, in questo caso, dati i due diversi tipi di nero) sono sostituibili separatamente, evitando sprechi. Sono presenti due vassoi per la carta, uno in formato A4 (150 fogli di capienza) e un altro di formato inferiore, utilissimo per la carta fotografica. IP4000 è in grado di stampare, tramite adattatori, su tanti supporti come cartoncini formato tessera o, addirittura, direttamente su speciali CD. La qualità di stampa si è confermata ottima, molto nitida e rispettosa della brillantezza dei colori. Canon dichiara una velocità di 25 pagine al minuto in bianco e nero e 17 a colori. Nei nostri test, decisamente più impegnativi di quelli usati dalle case produttrici IP4000 ha stampato 7,23 pagine al minuto in bianco e nero e 3,64 a colori, un risultato comunque molto positivo. Particolarmente veloce la stampa di fotografie: 66 secondi per una foto in formato 10 x 15, poco più di 3 minuti per una in formato A4. Una caratteristica particolarmente comoda è la possibilità di stampare in modalità fronte/ retro, senza interventi da parte dell’utente, anche se con una velocità di gran lunga inferiore. Considerato il prezzo non elevato, si tratta di una stampante conveniente e consigliabile a chi desidera stampare in casa foto di qualità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore