Stanca firma linea di credito di 3 mln $ con Banca Inter-americana per sviluppare le-Government nellAmerica Latina

Workspace

«Nel nuovo contesto mondiale, linnovazione tecnologica deve contribuire a creare un futuro migliore, ma solo a condizione che essa diventi patrimonio di tutti».

Come si legge sul Comunicato a cura dellUfficio Stampa del Ministro per lInnovazione e le Tecnologie, lItalia consolida il proprio ruolo guida nel processo di crescita delle-Government nei Paesi in via di sviluppo. Una linea di credito di 3 milioni di dollari è stata infatti sottoscritta da Lucio Stanca, Ministro per lInnovazione e le Tecnologie (MIT), per conto del Governo, con Enrique Iglesias, presidente della Banca Inter-americana per lo Sviluppo (Inter-american Development Bank), per implementare i progetti del Governo italiano per la diffusione delle-Government in paesi Latino-Americani e Caraibici. A beneficiarne saranno 7 paesi dellarea. Liniziativa finanziaria si aggiunge alle altre due promosse in precedenza dal ministro Stanca con lUndesa (Dipartimento Affari Economici e Sociali dellONU) e con la Banca Mondiale (Gateway Foundation). La firma è avvenuta in occasione dellannuale assemblea dellIADB, a Milano, presenti delegazioni dei 46 Paesi membri della Banca, tra cui lItalia. LItalia intende estendere allAmerica Latina lattuazione di un modello di e-Government che favorisca la realizzazione di pubbliche amministrazioni efficienti e trasparenti, che siano motore di sviluppo per la crescita sociale ed economica, ha spiegato il ministro. Nel nuovo contesto mondiale, linnovazione tecnologica deve contribuire a creare un futuro migliore, ma solo a condizione che essa diventi patrimonio di tutti. In tale ambito lItalia già svolge un importante ruolo internazionale di cooperazione e di stimolo per far in modo che queste opportunità offerte dallinnovazione tecnologica siano portate nelle aree che hanno maggiori necessità di sviluppo, ha aggiunto Stanca. Loperazione finanziaria, ha ricordato il ministro, rientra quindi nel piano che lItalia ha già varato per i Paesi in via di sviluppo per rendere disponibile ed estendibile un modello di riferimento di e-Government basato sulle migliori esperienze mondiali. Nel quadro della fornitura di una sorta di piano regolatore di una moderna pubblica amministrazione digitalizzata, il ministro per lInnovazione e le tecnologie, dintesa con i colleghi degli Affari Esteri e della Funzione Pubblica, ha avviato una prima fase di partenariato con Albania (contabilità nazionale e strategia di sviluppo delle-Government), Giordania (contabilità nazionale ed e-Procurement), Mozambico (rete telematica di governo e catasto), Nigeria (contabilità e statistica nazionale) e Tunisia (in via di definizione). Ad oggi circa 20 paesi dei Balcani, Africa, America Latina e Caraibi, Asia hanno chiesto di partecipare come beneficiari alliniziativa e-Government per lo sviluppo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore