Stanca un patto nazionale per linnovazione con il governo

AccessoriWorkspace

È la proposta di una sorta di coalizione trasversale tecnologica e digitale del Ministro per lInnovazione e le Tecnologie, ad un convegno ad Udine

È la proposta di una sorta di coalizione trasversale tecnologica e digitale del Ministro per lInnovazione e le Tecnologie, ad un convegno ad Udine Bisogna stringere un patto per linnovazione in quanto il deficit di innovazione delle imprese italiane pesa non solo sulla loro competitività, ma anche sullo stesso sviluppo del Paese. E, quindi, si impone un intervento di carattere strutturale da parte del Governo, non tanto per sostenere la nostra industria, che ha potenziali rilevanti in un momento congiunturale sfavorevole, quanto per fornire impulso alle imprese che non innovano. Cosi Lucio Stanca – come reso noto in un Comunicato a cura dellUfficio Stampa del Ministro per lInnovazione e le Tecnologie- con il patto per linnovazione tutti devono fare la loro parte e farla assieme le istituzioni centrali e locali, che devono creare il contesto; la scuola e luniversità, per generare professionalità in linea con la domanda; la ricerca integrata nella comunità internazionale e sempre più impegnata a sostenere la competitività del sistema Italia; la finanza, che renda disponibili capitali di rischio con modalità innovative; la Pubblica Amministrazione, per un uso intelligente della domanda pubblica e come facilitatore dellinnovazione; il mondo delle imprese, che abbracci con la cultura del rischio anche quella dellinnovazione e, non ultimo, il mondo della comunicazione che accenda i riflettori e apra il dibattito su questo tema. Dopo aver ricordato che la competizione sarà sempre più tra sistemi territoriali piuttosto che tra sistemi Paese, il ministro ha ribadito che la sfida che abbiamo di fronte, in un mondo sempre più globalizzato, è quella di promuovere linnovazione nei singoli territori, stimolando un processo virtuoso tra capitale umano, ricerca, nuove iniziative imprenditoriali, attrazione di capitali privati da altre regioni e dallestero, maggiore e più qualificata occupazione. [ STUDIOCELENTANO.IT ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore