Star Office cambia nome, ma non va confuso con OpenOffice.org e LibreOffice: facciamo chiarezza

ManagementMarketing

Oracle ha cambiato nome a Star Office in Open Office 3.3 con il cloud. Da non confondere con OpenOffice.org e LiberOffice

Oracle ha cambiato nome a Star Office in Open Office 3.3, suscitando le ire del mondo open source che mantiene la suite libera di produttività OpenOffice.org. A questo punto urge fare chiarezza: da quando Oracle ha acquisito Sun, la comunità open source si sente nel mirino dal colosso di Larry Ellison.

Star Office è stato ribattezzato Open Office 3.3, ma nulla ha a che vedere con la filosofia della suite libera di produttività. In comune le tre suite (Open Office, OpenOffice.org e LibvreOffice) hanno il codice sorgente derivato da Star Office, ma a differenziarle hanno la filosofia: quella di Oracle è imperniata sulla difesa dei brevetti, del copyiright e dei sistemi proprietari, mentre quella della comunità Open source s’ispira al Free Software di Richard Stallman.

Dunque, ricapitoliamo. Open Office 3.3 di Oracle è una suite a pagamento e disponibile in due versioni: la Stadard Edtion (da 39 euro per 99 utenti, senza supporto e su un unico sistema operativo) e la Enterprise Edition (al costo di 71 euro, con supporto installabile su più sistemi operativi e a più di 100 utenti). Con la nuova Star Office Oracle lancia Cloud Office 1.0, una versione della suite che punta sulle potenzialità del cloud computing, compatibile con il formato OpenDocument (Odf).

Il Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org (PLIO), guidato da Italo Vignoli, spiega che “OpenOffice.org è e rimarrà software libero” (sotto licenza Licenza GPL v3). “In merito al comunicato stampa di annuncio di Open Office 3.3 e Cloud Office 1.0, le due suite per l’ufficio proprietarie disponibili a pagamento attraverso la rete di vendita Oracle”, “la decisione di ribattezzare StarOffice in Open Office si dimostra assolutamente inopportuna, in quanto genera confusione sul mercato con il marchio OpenOffice.org, che è stato portato al successo dalla comunità con il lavoro dei volontari”.

OpenOffice.org, per tutelarsi dalle “mire espansionistiche” di Oracle, ha lanciato anche LibreOffice.

Scarica gratis LibreOffice per Windows.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore