State of the Net illustra l’utilizzo della Rete in Italia

AziendeMarketingMercati e FinanzaSocial mediaWorkspace
Digital Radio fotografa le cinque cose da sapere sulla radio digitale in Italia
1 3 Non ci sono commenti

Gli italiani usano Internet soprattutto per effettuare ricerche online su Google e per informarsi sulle testate giornalistiche. I giovani per l’e-commerce e gli over 50 per i Social Media. Gli italiani chiedono più privacy. La Rete italiana che emerge dalla fotografia di State of the Net

State of the Net fotografa l’utilizzo della Rete in Italia. Gli italiani usano Internet soprattutto per effettuare ricerche online su Google e per informarsi sulle testate giornalistiche. I giovani per l’e-commerce: l’acquisto o vendita di prodotti online appartiene alla fascia d’età fra i 18 e i 44anni. Gli over 50 frequentano i Social Media. La Rete italiana che emerge dalla ricerca dell’Istituto Ixè per State of the Net, la conferenza sullo stato di internet che si è svolta a Trieste, è votata alla ricerca online: se la rete non fosse accessibile per tre giorni, agli italiani mancherebbe la possibilità di ricerca delle informazioni; al secondo posto si piazzano le e-mail; al terzo, la lettura di notizie; seguono, Whatsapp, Skype e Facebook.

Gli italiani tengono alla privacy: oltre 7 italiani su dieci si oppongono al fatto che i governi possano collezionare dati personali da Pc e smartphone, come rivelato nel caso NSA, noto in Italia come Datagate, rivelato da Edward Snowden. Nel 2004 il 45% era disposto a permettere la raccolta dei dati a un’autorità super-partes, ma dieci anni dopo, nel 2014, la percentuale è crollata al 19%. Oggi il numero di italiani che vorrebbe Privacy assoluta (nessuna raccolta di dati) è salita dal 35% al 59%.

State of the Net fotografa l'utilizzo della Rete in Italia
State of the Net fotografa l’utilizzo della Rete in Italia

Ma se il 56% esprime il timore di essere spiato o non sa che utilizzo può essere fatto dei suoi dati, un cittadino su tre non ha consapevolezza del problema.

Il 59% degli italiani è a favore del Segreto di Stato: la pubblicazione degli archivi segreti dello stato come nel caso Wikileaks incontra l’opposizione dei cittadini italiani.

Dai dati di Audiweb relativi all’audience online nel mese di aprile 2014, si attestano a 27,5 milioni gli utenti che si sono connessi almeno una volta da un Pc. Nel giorno medio risultano 12,6 milioni gli utenti online, collegati per 1 ora e 11 minuti. Ammontano a 9 milioni gli utenti che hanno visualizzato almeno un contenuto video su uno dei siti degli editori iscritti al servizio. Sono state totalizzate 136 milioni di stream views, con una media di 58 minuti di tempo per persona trascorso nella fruizione di contenuti video. Nel giorno medio risultano 4,5 milioni le stream views, con 1,3 milioni di utenti che hanno dedicato in media 13 minuti alla visione dei contenuti video sui siti degli editori iscritti. Oltre il 50% degli utenti si collega da computer tra le 15:00 e le 18:00 (6,3 milioni) e tra le 18:00 e le 21:00 (6,4 milioni). Valori simili si registrano anche nella fascia oraria 12:00-15:00, con 6,2 milioni di utenti, il 48,9% degli utenti attivi nel giorno medio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore