Steve Ballmer: Microsoft deve combinare hardware e software

AziendeMarketing
Steve Ballmer si ritirerà da Microsoft

Il Ceo Steve Ballmer ha detto che i Partner faranno la parte del leone dei prodotti Windows, tuttavia Microsoft deve esplorare l’opportunità di combinare insieme hardware e software, per sfidare iPad e Android con il Surface

In una discussione al Churchill Club, a Santa Clara (California), il Ceo di Microsoft Steve Ballmer ha dichiarato che i Partner faranno la parte del leone dei prodotti Windows, tuttavia Microsoft deve riempire i “vuoti nel mezzo”. Microsoft deve esplorare l’opportunità di combinare insieme hardware e software, per sfidare Apple iPad con il tablet Surface. Se Microsoft può provare la massima integrazione hardware e software, non può lasciarsi sfuggire l’opportunità del “hardware software boundary”. Anche con Windows Phone, Microsoft sta esplorando opportunità strategiche in miriadi di mercati, dal consumer all’enterprise.

Microsoft, per mantenere la sua rilevanza nell’era Mobile, dopo il sorpasso del nercato Mobile su quello Pc, deve rinnovarsi. Microsoft, che ha dominato il mercato Pc fin dagli anni 1990, si è vista eclissare da un’Apple, risorta con iPhone e iPad. “Abbiamo reimmaginato Windows” ha affermato Ballmer. Il Ceo di Microsoft ha anche parlato della concorrenza Android e iOS: ritiene l’ecosistema Android “un po’ selvaggio” dalla prospettiva della compatibilità delle apps e non controllato dal punto di vista della sicurezza (Android è nel mirino dei malware); Apple iOS ha invece offerto un ecosistema più controllato, ma “con prezzi troppo alti“.

Ballmer ha tessuto le lodi di Steven Sinofsky, che fino a pochi giorni fa era a capo di Windows: Ballmer ha ringraziato Sinofsky per il lavoro fatto con Windows 8, un prodotto migliore di Windows 7, tuttavbia ha ribadito che Microsoft ha bisogno di una maggiore coordinazione cross-product, per sfidare Apple e Google. Microsoft sta mettendo in piedi un nuovo team per iniziare il lavoro sulla prossima generazioni, sulla scia del rilascio di Windows 8, Surface e del software mobile. Ballmer ha definito “fantastico” il nuovo team, guidato da Julie Larson-Green e Tami Reller.

Da quando Ballmer, 56 anni, è stato nominato Ceo al posto di Bill Gates, nel 2000, il mercato software è davvero cambiato. Il cloud è diventato l’imperativo del mercato software. E Google, il cui Android domina il mercato smartphone, è riusita a penetrare laddove Microsoft aveva sempre tentato.

Il colosso di Redmond non può cedere quote di mercato, anche se i partner faranno la parte del leone dei dispositivi Windows nei prossimi cinque anni. Ma “le aziende tecnologiche o innovano, e vanno avanti o muoiono“. Il messaggio per Hp e Dell suona forte e chiaro. Del resto, il mercato PC registrerà un calo dell’1.2% a 348.7 milioni di unità quest’anno, secondo IHS ISuppli. La prima flessione dal 2001, mentre Windows Phone ha chiuso il terzo trimestre al 2%, contro il 75% di Android e il 14.9% di Apple iOS. Microsoft però confida che nel mercato smartphone Windows Phone può salire al 10% – 15%. E l’anno prossimo verranno venduti circa 400 milioni di Pc, e Windows contoinuerà a detenere il 90% del mercato. E Nomura ha definito Surface un tablet di prima classe. Anche l’era cloud è solo agli esordi, e il più deve ancora arrivare. Sul fronte consumer, Microsoft ha il sevizio a maggior volume consumer: Skype. Anche Bing è in crescita: combinato con Yahoo!, che usa l’algoritmo di Bing, il motore di ricerca di Microsoft detiene il 30% del mercato USA.

Alla domanda su “quali rischi corra Microsoft in futuro”, Ballmer ha detto che il talento e la cultura sono la risposta giusta, se abbinati ai tre seguenti interrogativi: “Stiamo andando nel giusto cammino? Possiamo andare più veloci? E dove stiamo andando?. “Dobbiamo reinventarci ogni 5 – 10 anni” ha concluso Ballmer.

Steve Ballmer parla del futuro di Microsoft
Steve Ballmer parla del futuro di Microsoft

Quanto conosci Microsoft e Windows? Mettiti alla prova con un QUIZ!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore