Stop a tablet e Pc in cabina sui voli verso gli USA e UK

Autorità e normativeNormativa

Divieto a tablet, phablet e laptop in cabina per chi vola da 13 Paesi (del Medio-oriente e nord-Africa) verso gli Stati Uniti. Analogo provvedimento a Londra. L’allarme per la tecnologia e i notebook esplosivi fa parte delle misure anti-terrorismo

Tablet, phablet (smartphone oltre i 16 cm per 9.3 cm) e laptop sono vietati in cabina nei voli provenienti da Africa e Medio Oriente verso gli USA. Dopo lo stop degli USA, UK, Canada e Francia prendono in esame le stesse misure anti-terrorismo, nate da un serio allarme per “notebook esplosivi”.

A partire da sabato, chi vola da 13 diversi Paesi (Medio Oriente e nord-Africa) verso gli Stati Uniti, non può portare in cabini dispositivi elettronici più grandi di uno smartphone: potranno essere trasportati soltanto nel bagaglio in stiva, sottoposti a controllo. Si tratta di una decisione “necessaria e proporzionata” alla minaccia, date le informazioni di intelligence a disposizione.

Stop a tablet e Pc in cabina sui voli verso gli USA
Stop a tablet e Pc in cabina sui voli verso gli USA

Lo stop alla tecnologia arriva dopo il blocco contro l’ingresso negli Stati Uniti di cittadini stranieri provenienti da alcuni Paesi “a rischio”. Lo scorso 6 marzo, il presidente degli USA Trump ha varato un ordine esecutivo riveduto per vietare l’ingresso negli Usa per 90 giorni a cittadini di Iran, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen. Due giudici federali lo hanno parzialmente bloccato, temendo che discrimini i cittadini musulmani.

Il bando sarà applicato da sabato prossimo per chi proviene da otto i Paesi: Giordania, Egitto, Turchia, Arabia Saudita, Kuwait, Qatar, Emirati Arabi e Marocco, tutti alleati – o comunque partner – degli Usa. Il bando sarà attivo per diverse decine di voli giornalieri verso gli Usa. Le compagnie coinvolte cono nove: Royal Jordanian, EgyptAir, Turkish Airlines, Saudi Airlines, Kuwait Airways, Royal Air Maroc, Qatar Airways, Emirates ed Etihad Airways. I voli sono in partenza da dieci aeroporti internazionali: Amman, Il Cairo, Istanbul, Gedda, Ryad, Kuwait City, Doha, Dubaï, Abu Dhabi e Casablanca.

La Gran Bretagna ha subito varato un provvedimento analogo. Il divieto di portare in cabina dispositivi digitali di dimensioni superiori a quelli di un cellulare (lunghezza 16 centimetri, larghezza 9,3 e spessore 1,5) si applicherà ai passeggeri diretti nel Regno Unito da Turchia, Libano, Giordania, Egitto, Tunisia e Arabia Saudita.

Il Canada, che collabora gomito a gomito con Usa e Regno Unito a livello di servizi segreti, insieme ad Australia e Nuova Zelanda, “valuta la possibilità di introdurre le stesse restrizioni sulla base delle informazioni che ci sono state fornite dai servizi di Intelligence“, come ha commentato il ministro dei Trasporti Marc Garneau. Valutazioni che coinvolgono anche la Francia.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore