Stop al blog spam

Management

Lo spamming si evolve: dalle junk email è passato agli Instant Messenger. E adesso ai Weblog

Lo spam, insieme all’emergente phishing, è una delle piaghe dell’anno in tema di posta elettronica: aumenta a dismisura e si avvale di tecniche di offuscamento per aggirare i filtri antispam, mascherando le parole (che potrebbero essere filtrate) nell’80% dei casi, grazie a espedienti come la sostituzione di una lettera con un numero (lo “0” al posto della “o”; l'”1″ anziché la “i”) o l’errata trascrizione di una parola sospetta. In questi modi, lo spamming o email spazzatura elude i filtri antispam e finisce nella nostra casella di posta. Tuttavia lo spam evolve: dopo la messaggistica intantanea (spIm), adesso è la volta dei blog. Lo spam su Weblog si maschera in fasulli messaggi, finti commenti sui Blog lasciati come forma di advertising online e link popularity: il blog spamming è l’ultima novità. Viene condotto con software automatici. Per difendersi dal blog spamming, non rimane che aggiornare il proprio software di Weblog alle ultime versioni e moderare i commenti per evitare l’intasamento di commenti fittizi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore