Streamcast Network Morpheus 4

NetworkProvider e servizi Internet

Nel folto panorama delle applicazioni peer to peer si affaccia la nuova versione del famoso programma di StreamCast Networks, con nuove funzionalità Voice over Ip

Interfaccia hi-tec, semplicità d’uso e la possibilità di connettersi a ben quattro reti peer to peer contemporaneamente: così si presenta la nuova versione di Morpheus, che come si ricorderà prese il nome dal personaggio del film The Matrix. Nei primi tempi della sua vita il programma permetteva di connettersi soltanto alle reti Open Nap. Poi nel 2001 i creatori di Morpheus decidono una brusca sterzata a favore della rete FastTrack. Purtroppo l’alleanza con i creatori di Kazaa dura molto poco e nel Febbraio 2002 gli utenti di Morpheus vengono improvvisamente esclusi dalla rete FastTrack. Comincia il rapido declino dell’applicazione sempre meno utilizzata dagli utenti e vittima delle scarse performance di Gnutella, rete a cui Morpheus nel frattempo si appoggia. Oggi, il programma della software house StreamCast, arrivato alla versione 4.0.2, si presenta come un client peer to peer dalle molte potenzialità. Come detto, chi utilizza Morpheus può effettuare ricerche su tutte le maggiori reti peer to peer, scambiando file con utenti di Kazaa, iMesh, eDonkey, Overnet, Grokster, Gnutella, LimeWire nonchè con i pochi utilizzatori della neonata NeOnet, realizzata dalla stessa StreamCast. Sebbene ancora in fase di beta la tecnologia di NeOnet, a detta degli autori, consentirà una maggiore accuratezza nella ricerca dei contenuti da parte degli utenti. In aggiunta alla sua provata versatilità nelle ricerche di file Morpheus offre anche un player multimediale integrato (Morpheus Media Player) e un software di Voice Over Ip in grado di far parlare in tempo reale i propri utenti. Quest’ultima funzionalità purtroppo non è gratuita e per il suo utilizzo StreamCast richiede una quota mensile di 14,95 dollari. Morpheus consente comunque un periodo di prova in cui ci si potrà registrare ai servizi di Voice Chat e dotandosi di headset (cuffie e microfono incorporato) parlare con utenti appartenenti alle varie community rooms pubbliche. È possibile inoltre aprire una propria personal room privata in cui l’accesso sarà consentito solo agli utenti fidati a cui in precedenza avremo fornito username e password di accesso. Semplicità d’uso e caratteristiche avanzate sono i punti forti di questo software, che però inciampa su un problema non di poco conto. I creatori di Morpheus, pur facendo campeggiare nella propria homepage (www.morpheus.com) una scritta a caratteri cubitali che indica l’assenza di spyware, hanno di fatto farcito la loro creatura di adware assortiti. In fase di setup viene presentato un contratto di licenza, che non si può evitare di accettare, in cui si fa menzione soltanto di MySearchBar, una toolbar che si insinua sia in Internet Explorer sia in Explorer in maniera radicale. My Search Bar consente a chi la installa di poter effettuare ricerche su più motori di ricerca (Google, Ask Jeeves). Oltre alla toolbar, Morpheus installa anche un piccolo programmino WebsavingsfromEbates in grado di presentare pop-up pubblicitari all’utente. Sembra inoltre che il programma possa arrivare alla disinstallazione di programmi che interferiscano con il suo funzionamento (es. programmi di rimozione spyware). A parte l’insana abitudine degli autori a inserire programmi poco graditi, Morpheus appare come un programma versatile e in grado di trovare applicazioni, file musicali e video con grande semplicità degno concorrente di applicazioni multiprotocollo quali Shareaza (www.shareaza.com) ma inferiore a quest’ultimo proprio per il fastidioso utilizzo di adware e spyware.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore