Stretta sui costi dei servizi per cellulari

Management

Da una ricerca Kpmg emerge che il 20% degli utenti Usa non si accollerebbe una cifra superiore al 10% dell’attuale bolletta

I dirigenti del settore delle Tlc prevedono, a livello mondiale, un incremento del giro d’affari dei servizi mobili (come per esempio il download di musica e video su cellulari). Tuttavia una doccia fredda si abbatte sull’ottimismo espresso dalle Telecomunicazioni globali: uno studio della società di ricerca Kpmg LLP afferma che oltre un terzo dei consumatori nordamericani non è disposto a pagare costi aggiuntivi per i servizi mobili. I telefonini cellulari super accessoriati ormai sono a scaffale in tutti i negozi di telefonia e nei grandi magazzini; inoltre a giugno, in occasione dei prossimi Mondiali di calcio, debutterà la Tv sui cellulari. Ma gli utenti Usa di servizi per cellulari non sembrano propensi ad aprire i cordoni della borsa, e considerano sufficienti i costi attuali senza ulteriori supplementi. Dalla ricerca inoltre emerge che ben il 20% degli utenti di cellulari non è disposto ad accollarsi una cifra superiore al 10% dell’attuale bolletta. Quindi, si prospettano tempi meno rosei per le Tlc che finora hanno sperato in futuri introiti derivanti dai nuovi servizi mobili.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore