Subsonica

Workspace

L’energia della live-dance

La musica in mano ai dj è stata senza dubbio la rivoluzione musicale dell’ultimo decennio. Manipolatori di sample, i dj hanno interpretato la globalizzazione musicale, inventando nuove forme di integrazione tra suoni e strumenti. Grazie anche al dj non-musicista, si è diffusa nel pubblico una certa predisposizione all’ascolto di musiche e strumenti non tradizionali e sono nati interessanti cd a cavallo tra i generi, che hanno stimolato gli ascoltatori tanto da determinare risultati di vendita spesso insperati. Dove però la figura del musicista puro riemerge, è nel concerto dal vivo. Qui l’esigenza di riprodurre una musica composta artificialmente si scontra con la necessità di trasmettere al pubblico anche l’energia di un gruppo vero, quello stesso gruppo che l’ascoltatore immagina di vedere quando mette su un disco. In quest’ottica può essere letto il successo ottenuto dai torinesi Subsonica il loro progetto di canzoni coniuga musica dance all’inglese e melodia di scuola italiana, con tutta l’energia della musica dal vivo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore