Sul mercato Mobility in Europa

AziendeMercati e Finanza

Gli elevati investimenti in It delle aziende europee non sono guidati da un
approccio strategico ed è ancora alto il potenziale del settore Mobility,
nell’analisi fatta da AC Nielsen

La mobilità sta conquistando i mercati europei, almeno stando a un’ indagine condotta da AC Nielsen e commissionata da Fujitsu Siemens alla fine del 2005. Il 71% dei manager e dei decisori It europei intervistati ha dichiarato di aver adottato soluzioni per la mobility solo di recente. Lo studio ha inoltre rilevato che il 60% delle aziende ha introdotto progetti di mobility senza seguire un programma d’implementazione strategico. Lo studio è stato commissionato fra i responsabili It che partecipano al Webpanel VNU Global Tech Forum per individuare necessità, obiettivi attuali e futuri delle aziende. Oltre 1.000 responsabili It ed executive provenienti da Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna e Svezia hanno preso parte alla ricerca on line. Tra gli intervistati rientrano tutte le utenze di sistemi mobili comprese le piccole e medie imprese (da un minimo di 100 dipendenti) operanti nei settori tecnologico, industria, servizi finanziari, commercio, pubblica amministrazione e farmaceutico. Secondo la ricerca i primi passi verso la mobilità sono stati già compiuti nel 71% dei casi: la Svezia domina con l’85% del campione, mentre la percentuale più bassa, 65%-68%, è in Europa meridionale (Italia, Francia e Spagna). Ma il 18% dei manager non riesce a trovare motivazioni di business per introdurre in azienda tecnologie mobili. Secondo l’indagine, solo quattro aziende su dieci hanno sviluppato una strategia per la mobilità. In Gran Bretagna, Spagna e Svezia oltre il 45% delle aziende coinvolte ha introdotto progetti con un approccio strategico, percentuale che in Francia e Germania si riduce al 37% circa. Per quanto riguarda la mobilità in Italia, sulle 91 aziende intervistate, il 65% ha confermato l’utilizzo di soluzioni mobili, mentre il 13% ne sta pianificandone l’adozione. Il 44% degli intervistati dichiara di aver sviluppato una strategia aziendale integrata per la mobilità e il 32% di volerla adottare in tempi brevi. Tra gli obiettivi che spingono le aziende a introdurre e utilizzare la mobility come fattore strategico di crescita del business, il 69% punta a un incremento della produttività, il 17% al risparmio del tempo e l’8% alla soddisfazione del personale. In Italia, la mobility si esprime soprattutto attraverso l’utilizzo di notebook per il 98% degli intervistati, dispositivi palmari per il 49%, soluzioni con funzionalità di push e-mail per il 27% e tramite tablet Pc per il 12%.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore