Sun vuole portare Linux su Sparc

Workspace

L’azienda punta sull’open source per promuovere i chip

Sun Microsystems gioca la carta dell’open source: portare Linux su Sparc, pur di promuovere i propri chip. L’azienda guarda a Linux e BSD Unix open source come a una seria opzione per vendere c omputer basati su Sparc. Sun lo scorso dicembre ha lanciato i server basati sui processori UltraSparc T1 noti con il nome in codice Niagara.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore