Sundar Pichai è il nuovo capo di Android

AziendeManagementMarketingNomine
Sundar Pichai, veterano di Google e già sviluppatore del browser Chrome, diventato il numero uno di Android, allarga il proprio raggio d'azione in Google

Sundar Pichai, veterano di Google e già sviluppatore del browser Chrome, diventa il numero uno di Android. Al posto di Andy Rubin

Lascia Andy Rubin e Sundar Pichai, veterano di Google e già sviluppatore del browser Chrome, è stato nomianto ai vertici di Android. La sostituzione di Rubin con Sundar Pichai a capo di Android, ha colto tutti di sorpresa. Ma il Ceo di Google Larry Page ha voluto riunire sotto lo stesso tetto le divisioni di software Mobile. Sundar Pichai, già a capo del browser Chrome e delle applicazioni Google Drive e Gmail, assume il ruolo finora ricoperto da Andy Rubin.

Rubin è stato l’evangelista di Android, acquisito da Google nel 2005, e soprattutto lo ha reso una piattaforma gratuita ed open-source che gira su tre quarti degli smartphone nel mondo. Android sta per diventare anche il primo OS nel mercato tablet: il sorpasso su iOS è previsto entro fine anno. Ma dopo aver coronato le sue ambizioni con Android, ora Rubin vuole cimentarsi in altre avventure ed aprire un nuovo capitolo, sempre all’interno di Google.

Pichai non solo ha guidato lo sviluppo del browser veloce Chrome, ma ha anche lanciato i Chromebook con il sistema operativo Chrome OS. Secondo Gartner, ora Android e Chrome OS rischiano di sovrapporsi. Nonostante la crescente popolarità di Android, è Chrome al centro dei pensieri di Google, ma per un motivo: perché a Google non importa tanto l’OS, quanto l’ecosistema, da Google Docs a Google Voice fino a Google Books. Aiutare Samsung a vendere più smartphone e battere Apple, non è certo una priorità di Google, che se mai ha acquisito Motorola. Secondo Gartner, Chrome rappresenta l’essenza più pura della filosofia di Google: mettere al centro il suo ecosistema, il vero motore dell’advertising che fa lievitare il fatturato del motore di ricerca di Mountain View.

E visto che i vendor Android, per distinguersi da Samsung, stanno studiando varie alternative (da Tizen OS a Firefox OS, da Windows Phone a Blackberry 10, fino a Ubuntu Touch), Google teme che Samsung rappresenti una minaccia per Android piuttosto che un’opportunità. Per salvare l’ecosistema dalla concorrenza che incalza, Google deve puntare su Chrome, il suo gioiello. Current Analysis osserva che molti outsider ritengono Android e Chrome OS in concorrenza fra loro. Le piattaforme sono basate su differenti visioni del futuro del computing: le applicazioni universali in HTML 5 nel cloud per Chrome sono contrapposte alle apps native ottimizzate installate sui dispositivi perAndroid. La sfida di Pichai consiste in un gioco di prestigio: decide se i due mondi, Android e Chrome, dovranno collidere o no. Anche perché Microsoft ha presentato Windows 8 per desktop e tablet; e Windows Phopne per smartphone. La concorrenza incalza anche nel mondo open source: con Firefox OS di Mozilla, Ubuntu Touch di Canonical e Tizen OS (quest’ultimo di Samsung).

Secondo Statcounter, Chrome domina nel mercato browser con il 36.5%; secondo Net Applications, invece, Chrome è il terzo browser con il 17.5%, alle spalle di Internet Explorer e Firefox.

Pichai, oltre ad aver fatto carriera dentro Google, è stato promosso dal Ceo Larry Page, forse anche perché il suo Chrome OS è uscito vincitore dal temutissimo contest di hacking: era in palio un premio da 3 milioni di dollari, ma nessun hacker è riuscito a violare Chrome OS, mentre i browser sono caduti come birilli.

Sundar Pichai, veterano di Google e già sviluppatore del browser Chrome, diventa il numero uno di Android
Sundar Pichai, veterano di Google e già sviluppatore del browser Chrome, diventa il numero uno di Android
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore