Super Spammer agli arresti per furto di identità

CyberwarSicurezza

Da tempo conosciuto per la sua pervasività e costanza, lo spammer adesso
rischia molti anni di reclusione

‘Adesso si notera’ un evidente calo dello spamming‘, hanno dichiarato le autorita’ federali inquirenti. Si tratta, infatti, dell’arresto di uno degli spammer ‘top-ten’ al mondo. Robert AlanSoloway e’ accusato di aver utilizzato computer zombie per l’invio di milioni e milioni di messaggi spam in giro per la Rete. L’arresto e’ stato motivato da precise accuse non solo di frode via e-mail, ma anche di furti di identita’ e riciclaggio di denaro. Solo cosi’ si e’ riuscito a mettere off line questo pericolosissimo criminale. Il ricco spammer (vive in un mega appartamento e guida una costosissima Mercedes) e’ noto agli investigatori , perche’ gia’ dal 2003 ha iniziato la sua lunga carriera. Ha addirittura continuato le sue attivita’, dopo che Microsoft ha vinto contro di lui una causa civile per un risarcimento di sette milioni di dollari nel 2005 e dopo che un provider dell’Oklahoma ha vinto un altro procedimento per la elevatissima cifra di dieci milioni di dollari. [ StudioCelentano.it ]

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore