Suse Linux taglia negli Usa e si concentra in Europa

Workspace

Il distributore tedesco taglia il personale Usa assicurando comunque la sua presenza negli States

Suse Linux ha fatto conoscere le sue intenzioni di ri-focalizzarsi sul mercato europeo, abbandonando, almeno in parte, le operazioni aldilà dellOceano. Il distributore tedesco ha licenziato trenta impiegati del suo ufficio statunitense, lasciando in sede solo una quindicina di persone. Il taglio ha riguardato soprattutto il personale tecnico, in ogni caso la società ha assicurato sulle sue intenzioni di rimanere presente in Usa. Mark Simmons, analista senior di Bloor Research, approva la mossa strategica di Suse Focalizzarsi sul mercato europeo è una buona scelta. Linux non è ancora abbastanza diffuso su quel mercato. Tagliando il personale, Suse ripete quanto già fatto da Red Hat lo scorso dicembre, tutti dicono che non ci sono soldi a sufficienza. Una portavoce di Suse ha invece tenuto a precisare che le decisioni appena prese puntano soprattutto a ottimizzare la presenza sul mercato, mantenendo una presenza negli States, ma focalizzando i centri tecnici in Europa. I tagli del personale non dovrebbero influire sulla reperibilità della distribuzione negli Usa. Abbiamo 100 addetti tecnici in Europa in grado di offrire tutto il supporto tecnico necessario ai nostri clienti statunitensi via mail. Ora ci sono 500 impiegati in totale, rispetto alle dimensioni della società, le perdite non sono tanto gravi, sebbene siamo stati costretti a fare a meno di importanti collaboratori, ha concluso la portavoce.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore