Sventola alto il vessillo della libertà dei Blog

Marketing

Una sentenza USA ribadisce il concetto che per i blog non c’è il reato di
link.

La Corte Suprema della California ha ritenuto immuni dal reato di diffamazione coloro che riportano informazioni su Internet riprese da altre fonti. Solo chi crea contenuti diffamatori è quindi perseguibile. La sentenza arriva in seguito a una causa tra due medici, uno dei quali gestisce un sito che ha pubblicato critiche nei confronti del lavoro dell’altro. L’accusato si è difeso trincerandosi dietro il Communications Decency Act in vigore dal 1996 e la corte gli ha dato ragione. Peraltro questa sentenza ribalta un precedente di segno opposto, ristabilendo la libertà dei blogger di riportare, citando le fonti, tutto ciò che trovano in Rete.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore