La svolta e-commerce di Twitter avviene con Amazon

E-commerceMarketingNetwork
Twitter si allea a una banca francese per trasferire denaro con un Tweet
14 7 1 commento

La piattaforma di micro-blogging consentirà agli utenti di fare shopping via hashtag, grazie a un accordo con il sito di Amazon. La svolta e-commerce di Twitter

Twitter introduce l’hashtag per aprire all’e-commerce. La svolta che Wall Street chiedeva da tempo è sulla rampa di lancio. La piattaforma di micro-blogging consentirà agli utenti di fare shopping via hashtag, grazie a un accordo con il sito di Amazon. Gli utenti potranno effettuare acquisti direttamente dai post. Basterà introdurre l’hashtag (la parola preceduta dal ‘diesis’) #AmazonCart, per aggiungere prodotti al carrello della spesa. Per completare la transazione è necessario andare su Amazon shopping cart.

In cambio, pare che Amazon aumenterà la spesa pubblicitaria su Twitter, ha spiegato Bloomberg. Ma i termini dell’intesa non sono stati resi pubblici. Twitter sta cercando di attirare inserzionisti e negozianti, aggiungendo i tool per aiutarli a raggiungere i 255 milioni di utenti sulla piattaforma di micro-blogging di San Francisco. Aprendo le porte all’e-commerce, Twitter riuscirà a trattenere più a lungo gli utenti consumer sul proprio sito, imparando di più sui loro interessi e sulle abitudini di shopping – informazioni di gran valore per gli inserzionisti, che contribuiscono per la maggior parte del fatturato del servizio.

Twitter apre all'e-commerce con Amazon. Via hashtag
Twitter apre all’e-commerce con Amazon. Via hashtag

Da un anno Twitter cercava di aggiungere pzioni di shopping diretto sul sito, tanto da aver assunto l’ex manager di Ticketmaster, Nathan Hubbard, nel ruolo di capo del commercio. In un’intervista della scorsa settimana, il Ceo di Twitter Dick Costolo aveva dichiarato che lo shopping sul sito avrebbe mantenuto la stessa percezione in tempo realedell’esperienza Twitter in generale. L’e-commerce su Twitter è l’opportunità del commercio in real-time, secondo Dick Costolo.

Amazon, da parte sua, vuole trarre vantaggio dagli “acquisti d’impulso“, quelli dettati dagli hashtag e dal tempo sincopato dei social media. L’ultima trimestrale di Amazon ha registrato un boom di vendite: +23% del fatturato a 19,74 miliardi di dollari dai 16,07 miliardi del periodo gennaio-marzo 2013. I profitti del gruppo di Seattle guidato da Jeff Bezos sono balzati del 18% a 108 milioni di dollari, pari a 23 centesimi ad azione.

L’ultima trimestrale di Twitter, pur in crescita e oltre le attese, aveva deluso: un fatturato più che raddoppiato e guadagni migliori delle stime non avevano placato l’ansia di Wall Street, che temeva per l’inferiore livello di coinvolgimento degli utenti. Ora, l’e-commerce dovrebbe risvegliare gli interessi degli utenti, aumentando il tasso di “engagement”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore