Svolta in Intel

LaptopMobility

Secondo indiscrezioni, Intel vorrebbe abbandonare lo sviluppo di due
processori, per concentrarsi su un nuovo "super processore".

Parole chiave: processori, nuove tecnologie sezione: Pc e mondo digitale sottosezione: Pc e portatili Nel mirino della nuova strategia di Intel i due processori noti con il nome in codice di Tejas e Jayhawk, cioè il Pentium 4 e lo Xeon, che verrebbero sacrificati per favorire una nuova architettura a doppio core. Intel sembra comunque voler abbandonare lo sviluppo di chip a single core, per concentrare lo sviluppo dei processori a doppio core, come il futuro Pentium M “Jonah”. La notizia non desta particolare sorpresa tra i più attenti osservatori del mercato, che già lo scorso marzo avevano registrato una certa insofferenza di Intel verso la tecnologia NetBurst che creerebbe non pochi problemi. NetBurst, infatti, evidenziava un alto consumo di energia, limitata scalabilità e scarsa efficienza. Mentre le nuove tecnologie su cui sta lavorando Intel, Pentium M in primis, dovrebbero fornire maggiori prestazioni, un minore consumo di energia e un utilizzo di frequenze di clock inferiore. Probabilmente, in attesa di avere pronto il nuovo Pentium M Jonah, Intel sostituirà i chip Tejas e Jayhawk con processori già a doppio core che utilizzano una architettura migliorata di NetBurst. Questa tecnologia è destinata comunque ad essere abbandonata con lo sviluppo delle nuove architetture. Si tratta quindi di un intervento provvisorio da parte di Intel in attesa di poter rendere disponibile il nuovo Pentium M e garantire così, entro il 2007, il suo impiego su tutti i chip x86. Il lancio delle versioni a doppio core di Pentium M e di Itanium è previsto nel corso del 2005.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore