Symantec aggiorna il fenomeno Spam

Sicurezza

Nuovo appuntamento con i report Symantec dedicati al fenomeno Spam e relativi al mese di ottobre

Le statistiche elaborate da Symantec sono state r ealizzate utilizzando nuove tecnologie per il rilevamento, l’identificazione e il filtraggio di messaggi spam in tutto il mondo, grazie anche alla recente acquisizione della società Brightmail. I dati riportati nel report sono relativi al mese di ottobre (dal 24 ottobre al 23 novembre 2005), di seguito le principali tenedenze rilevate: · le tre principali vulnerabilità rilevate sono a livello di client: la prima riguarda i programmi di grafica di Microsoft Windows, la seconda Shockwave Flash Player e la terza Apple Quicktime; · questo tipo di vulnerabilità è particolarmente pericoloso, perchè consente agli hacker di bypassare le misure standard di sicurezza, come i firewall e, se sfruttate con successo, consentono di arginare il perimetro di sicurezza anche per attacchi futuri; · gli attacchi più diffusi a livello EMEA sono stati Generic TCP Syn Flood Denial of Service (16%), Microsoft SQL Server 2000 Resolution Service Stack Overflow Attack (15%) e Generic TCP RST Flood Denial of Service Attack (12%); · il worm Sober rimane il più diffuso a livello worldwide e il secondo a livello EMEA. Il 22 novembre 2005, Symantec ha innalzato il livello di pericolosità di questa minaccia a 3, su una scala di valori compresi tra 1 (gravità minore) e 5 (gravità maggiore). · il Regno Unito ha avuto la più alta percentuale di computer infettati dai bot (43%) , seguito da Francia (11%) e Spagna (9%).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore