Symantec punta il dito contro Mozilla

CyberwarSicurezza

Le vulnerabilità dei browser di Mozilla superano le falle di Internet Explorer. Ma gli exploit in Rete sono contro IE

Symantec ammette che più un browser ha successo commerciale, più è preso di mira. Tuttavia l’azienda di sicurezza sfata il luogo comune che vede Internet Explorer in pole position per vulnerabilità: nell ‘Internet Security Threat Report 2005, nel primo semestre dell’anno Mozilla ha registrato il maggior numero di falle (25), con alto rischio nel 72% dei casi; mentre Internet Explorer si ferma a 13 vulnerabilità, di cui il 62% è etichettato a alto rischio. Inoltre nel primo semestre è stata individuata una media di 10 falle quotidiane, con 50 giorni di media tra la scoperta di una vulnerabilità e il rilascio della patch. E anche in questo campo, Symantec punta il dito contro il modello open source, basato su volontari, contro il modello aziendale, più professionale e rapido nel risolvere i problemi. Tuttavia Symantec, pur dimostrandosi paladina dei sistemi proprietari, alla fine ammette che gli exploit in Rete contro i browser, colpiscono quasi sempre Internet Explorer, e raramente i browser open source come Firefox.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore