Synology DiskStation DS115, il NAS con un disco solo non è figlio di un dio minore

DataStorage
0 0 Non ci sono commenti

IN PROVA – Synology DiskStation DS115 è un NAS a un unico bay, ma anche con processore dual core, che non pone limiti all’utilizzo nei gruppi di lavoro, grazie a DSM 5.1 già aggiornabile con la nuova beta 5.2. Nell’era del cloud anche un solo disco può bastare

Tra la fine del 2014 e l’inizio del 2015 Synology ha rilasciato una serie di prodotti: RackStation RS815+, RS815RP+ e DiskStation DS2415+, per un ambito di utilizzo certamente più verticale di questa proposta oggetto della nostra prova; infatti con DiskStation DS115, Synology amplia il portafoglio delle soluzioni single rack di cui tra l’altro fa anche parte il modello più vicino a questo proposto che è proprio DiskStation 115j.

Synology, tra l’altro, propone i due modelli proprio per due target di mercato leggermente differenti: DS115j quasi esclusivamente per la casa e il piccolo ufficio, invece il modello DS115 ancora anche per quei segmenti, ma con l’estensione ai Business Workgroup. Accomuna invece la maggior parte delle soluzioni la disponibilità di provare la versione beta di DiskStation Manager (DSM) 5.2 Beta.

Synology DiskStation DS115
Synology DiskStation DS115

Ecco allora che è importante tentare un confronto per indirizzare meglio la propria scelta. Entrambe le soluzioni propongono un Nas da utilizzare con un unico disco fisso (da 3,5 e da 2,5 pollici, anche SSD), per una capacità massima di 6 Tbyte. DiskStation DS115 arriva però con Cpu Marvell Armada 375 dual core, contro l’Armada 370 single core a 800 MHz del modello con la singla “j”. Raddoppia nella proposta che proviamo anche la Ram (512 Mbyte).

Diversa anche la dotazione di interfacce, con il nuovo (e migliore) modello DS115 che si propone con una porta USB 2.0, una USB 3.0 e anche un’eSata. Invece DS115j porta in dotazione solo due porte USB 2.0. in verità sulla nuova proposta avremmo di gran lunga preferito l’esclusiva dotazione di porte USB 3.0. Sono praticamente identiche le proposte per quanto riguarda le dimensioni (16,6×7,1×22,4 cm) e il peso di 700 grammi.

Synology DS115 le interfacce posteriori
Synology DS115 le interfacce posteriori

Identico il sistema di raffreddamento, la rumorosità, alimentazione e consumi. E’ identica anche la dotazione software ‘logica’. Ovviamente con un solo slot per i dischi non sono possibili configurazioni RAID di sicurezza, ma sono consentiti fino a 10 iSCSI Target, inoltre è bene ricordare che con un NAS di questo tipo è la condivisione il cardine della scelta, ed è comunque possibile e necessario demandare proprio al collegamento eSata esterno il “mirror” dei propri backup, oppure a tutte le soluzioni di cloud storage direttamente interfacciabili con questo NAS (Dropbox, Google Drive, OneDrive, Box, hubiC e Baidu Cloud).

Dal punto di vista della condivisione dei file la ‘potenza’ di DiskStation DS115 surclassa il modello j e per questo si pone come riferimento anche per i gruppi di lavoro. E’ infatti possibile il collegamento fino a 2048 account, in 256 gruppi (esattamente il doppio rispetto a DS115j), raddoppia da 64 a 128 anche le connessioni contemporanee possibili

Gli ambiti in cui DS115 guadagna punti sono quelli relativi al multimedia per esempio nella visualizzazione e nella resa della disponibilità dei ricchi cataloghi fotografici, nell’accellerazione offerta da USB 3.0 e eSata. Questo confermando le buone doti di flessibilità con il supporto per qualsiasi protocollo (FTP, SMB2, AFP, NFS e WebDAV) e file system, sempre con un unico livello di autenticazione.

Spiccata la vocazione multimediale della soluzione con il supporto per lo streaming tv con i televisori Samsung, la Apple TV, Google Chromecast. Quindi visualizzando sul televisore tutti i contenuti disponibili sul NAS che gode della certificazione Dlna come media server. L’accesso ai contenuti e la loro gestione è possibile anche direttamente da smartphone e tablet con le app, e anche il controllo della DiskStation, per esempio con DS Finder, DSM Mobile e DS Download.

Synology DSM 5.1
Synology DSM 5.1

L’interfaccia di controllo DSM è un semplice desktop, noi lasciamo installata la versione DSM 5.1 nell’ultimo update stabile, ma la nuova versione DSM 5.2 promette di più per quanto riguarda la semplicità di accesso alle risorse di cloud privato, e con la tegnologia smart polling migliora le prestazioni di Cloud Station e in fase di sincronizzazione con i cloud pubblici (si aggiunge all’elenco la compatibilità con Amazon S3 e WebDAV) ora si può impostare una sincronizzazione univoca e crittografata. Dal Pannello di Controllo DSM consente, proprio come si farebbe con l’interfaccia di un File Manager, la gestione di tutti i parametri e l’impostazione semplicissima di MyDS, in modo da accedere al NAS anche quando ci si trova al di fuori della rete locale.

L’interfaccia molto pulita permette la navigazione da Centro Pacchetti tra le app disponibili e quelle già installate dove per esempio si trovano il server iTunes e Logitech Media Server, diverse soluzioni di app per il Backup. Noi abbiamo apprezzato, però, nella sezione affari, la ricchissima dotazione di soluzioni per il cloud e la creazione di CMS, come per esempio Drupal, Joomla, WordPress, e poi ancora i mail server, il server per la VPN. Sono disponibili anche i software per gestire gli strumenti di videosorveglianza.

Il nostro giudizio è positivo, nonostante siamo di fronte a un NAS per certi aspetti ‘dimezzato’, non contemplando soluzioni RAID complesse. Questa proposta però effettivamente traguarda quello che potrebbe essere un trend interessante, anche per risparmiare. Infatti, con un solo disco, senza configurazioni Raid complesse, ma ugualmente con tutte le potenzialità intrinseche di condivisione e di accesso di un NAS, si può avere una soluzione di backup comunque replicata in cloud, ma di facile gestione e a un costo davvero ridotto. E non è poco.

Synology DS115 costa, senza disco circa 150 euro. L’utente valuti che con un ottimo disco WD con tecnologia NASware da 3 Tbyte, si spendono circa 280 euro.

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore