Tariffe di protezione per il roaming Ue in vigore dal 30 giugno

NetworkProvider e servizi Internet

Ma bisognerà aspettare alcune settimane per telefonare al cellulare nella Ue
a prezzi più economici

Il regolamento Ue sulle nuove tariffe roaming saràin vigore dal 30 giugno. Ma, dopo l’accordo formale fra ministri, che hanno adottato le norme per ridurre i costi delle chiamate dall’estero tra i 27 Paesi membri, bisognerà in realtà aspettare alcune settimane per vedere gli effetti. Venerdì è prevista la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea e il giorno dopo l’entrata in vigore. Ma ci vorranno probabilmente ancora alcune settimane prima che gli utenti di telefonia mobile vedano i tagli effettivi sulle bollette o sulle prepagate. La tariffa massima al minuto per telefonare all’interno dei Paesi UE, sarà di 0,49 euro (contro gli attuali 1,15 euro); per ricevere sarà di 0,24 euro. Poi la riduzione sarà progressiva: nel 2008 questi tetti caleranno rispettivamente a 46 centesimi, 22 centesimi e 28 centesimi al minuto. Nel 2009 a 43 centesimi, 19 centesimi e 26 centesimi. I prossimi passaggi saranno: gli operatori di telefonia mobile dovranno informare tempestivamente tutti i clienti sulle nuove tariffe europee. I clienti che risponderanno potranno immediatamente aderire alla tariffa di protezione del consumatore. Passati tre mesi, tutti i clienti che non avranno risposto saranno dirottati in automatico sulla tariffa di protezione, a meno che non aderiscano già a un’offerta speciale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore