Tecnologia in salsa tricolore

Management

Grazie a Nemo, prodotto dall’azienda toscana Tai, anche le medie imprese possono dotarsi di una soluzione per monitorare i sistemi informatici

La proposta di una realtà imprenditoriale tutta italiana per le medie imprese che vogliono avere il controllo della propria infrastruttura tecnologica. Potrebbe essere questo il titolo di un depliant realizzato per promuovere la proposta di Tai al mercato di casa nostra. Sì, perché dietro a Nemo, così si chiama la soluzione messa in campo dall’azienda toscana, non c’è soltanto la competenza di una società che da 15 anni lavora nel settore, ma anche una precisa conoscenza delle problematiche che preoccupano queste aziende. Attiva soprattutto nell’ambito della system integration,Tai offre a imprese e amministrazioni pubbliche soluzioni tecnologiche basate su sistemi aperti, progettate su misura. Da questa esperienza derivano anche le competenze che hanno permesso di sviluppare il software Nemo, nata sul campo e approdata sul mercato proprio per consentire anche ad aziende non molto grandi di usufruire di una soluzione di monitoraggio dei sistemi appropriata. Il nome, che non ha niente a che fare con le avventure del pesciolino del film della Disney, proviene dall’acronimo Network Multichannel Observer, cioè una soluzione di system management che controlla la rete dei sistemi informatici, elaborata proprio per le imprese che non dispongono di sufficiente personale informatico o che delegano queste funzioni a consulenti e società esterne.”La nostra proposta dà la possibilità alle medie imprese di avere un’analisi delle performance e dello stato di salute dei sistemi informatici – spiega Massimiliano Domenichini, responsabile marketing commerciale di Tai . Ciò è particolarmente utile perché permette una gestione previsionale dell’infrastruttura informatica, ma consente anche di comprendere le necessità di ampliamento o ridefinizione dei sistemi senza dover attendere i primi guai”. Nemo opera con alcune delle funzionalità (circa l’80%) presenti in altre soluzioni simili di grandi brand come Hp Openview o Tivoli, ma offre ugualmente una valida suite di prodotti per la realizzazione di cluster eterogenei (Linux o Solaris) composti da un certo numero di sistemi (fino a 32) in alta affidabilità, che permettono politiche di controllo e monitoraggio dei servizi applicativi residenti sul cluster. La consolle di controllo può estendersi fino ad arrivare a tutti gli apparati speciali e le applicazioni che abbiano accesso alla Lan aziendale, in modo da tenere sotto controllo il funzionamento di Ced, dispositivi e sistemi anche in assenza di un presidio permanente. L’analisi delle performance e dello stato di salute dei sistemi e delle applicazioni, a cui accennava Domenichini, sono possibili con un computer e un browser anche in postazione remota, con la possibilità di ricevere notifiche o allarmi via e-mail o Sms. Essendo Web based, Nemo si presenta come un prodotto intuitivo e molto affidabile che non necessità di personale con una formazione particolare.Tai propone la soluzione anche come appliance preconfigurata su Linux da inserire in rete, oppure come software da caricare su un server aziendale. Il costo è decisamente accessibile rispetto ai grandi competitor internazionali (circa 10 mila euro per monitorare un’architettura di 10 server) e l’azienda toscana promette facilità d’installazione e un basso impatto organizzativo, con tempi di’implementazione sostenibili (per i 10 server non si supera la settimana). Il target principale a cui si rivolge Nemo è costituito da imprese con un fatturato superiore ai 50 milioni di euro e si adatta in modo trasversale a tutti i settori industriali. L’azienda fiorentina, consapevole delle difficoltà di penetrazione nel mercato delle medie imprese, sta anche cercando partner informatici per portare la soluzione su tutto il territorio nazionale (info@tai.it). Ai curiosi ricordiamo anche che il Gruppo Tai dispone di un Centro Servizi a Firenze: una struttura tecnologica collegata a Internet che permette sia al personale che ai clienti di accedere, tramite un’interfaccia Web, ai prodotti e alle soluzioni dell’azienda.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore