Telco 2 sarà italo-francese: Telecom Italia prepara offerta da 7 miliardi di euro

AziendeMarketingNetworkProvider e servizi Internet
Telco 2 sarà italo-francese: Telecom Italia prepara offerta da 7 miliardi di euro
1 1 Non ci sono commenti

Il finanziere Bretone Vincent Bolloré si prepara ad entrare in Telecom Italia con Vivendi. Telecom Italia ha in cantiere un’offerta da 7 miliardi di euro

Telco 2 sarà italo-francese, il primo passaggio dovrebbe avvenire sul versante brasiliano, con un’operazione che passa da una newco carioca per integrare Gvt e Tim Brasil, la gallina dalle uova d’oro di Telecom Italia. Quest’ultima starebbe infatti preparando un’offerta da 7 miliardi di euro, per acquisire l’unità della banda larga GVT di Vivendi per crescere, mentre il fatturato di Telecom Italia e Telefonica calano in Spagna ed Italia, all’intensificarsi della concorrenza.

In cambio Vivendi dovrebbe ottenere il 20% di Telecom Italia (del valore di 3 miliardi di euro circa) e una quota dell’entità frutto dell’integrazione delle due unità brasiliane. La spagnola Telefonica – che a sua volta compete con Telecom Itali nel mercato brasiliano – ha appena offerto 6.7 miliardi di euro per GVT. Tim ha un valore di mercato che si aggira sugli 11.7 miliardi di dollari.

L’offerta di Telefonica per GVT è avvenuta a inizio del mese, dopo che l’Ad di Telecom Italia, Marco Patuano, aveva espresso interesse nell’unità. GVT è al lavoro con gli adviser finanziari Goldman Sachs Group e Credit Suisse.

Telecom Italia guarda a un’alleanza più ampia: la Tlc italiana potrebbe distribuire i contenuti degli asset media di Vivendi, che includono la pay-TV Canal Plus.

Telefonica in Germ ania ha ricevuto semaforo verde europeo per acquisire la tedesca E-Plus per 8.6 miliardi di euro dall’olandese KPN, per competere con Vodafone e Deutsche Telekom.

Telco 2 sarà italo-francese: Telecom Italia prepara offerta da 7 miliardi di euro
Telco 2 sarà italo-francese: Telecom Italia prepara offerta da 7 miliardi di euro

Telecom Italia ha archiviato il primo semestre registrando un utile di 543 milioni di euro, contro la perdita di 1,407 miliardi accusata nello stesso periodo dello scorso anno (su cui pesava la svalutazione dell’avviamento). Il fatturato si attesta a 10,551 miliardi di euro, in flessione dell’11,2% rispetto agli 11,888 miliardi fatturati nei primi sei mesi del 2013. Escludendo alcuni effetti, i ricavi del periodo sono in calo del 6,5%. L’Ebitda del periodo ammonta a 4,345 miliardi di euro, in declino del 7,6% (del 5,3% in termini organici) rispetto ai primi sei mesi 2013.

Il futuro di Telecom Italia è sempre più internazionale: dal fondo Blackrock al People’s Bank of China, appena salita al 2,1% del capitale, ormai protagonista a Piazza Affari. Su Telecom Italia pesa il debito da 27,4 miliardi di euro (a fine giugno), frutto delle scalate post privatizzazione: un debito pari al doppio del v alore di mercato della Telco. Ma l’asse con Gvt dona alla partecipazione brasiliana nuovo appeal. E Telco 2 rientra nell’orbita europea, con accento non più ispanico bensì italo-francese.

Conoscete la storia made in Italy di Telecom Italia? Misuratevi con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore