Scorporo rete, botta e risposta fra Telecom Italia e AgCom

MarketingNetworkProvider e servizi Internet
Lo scorporo della rete di Telecom Italia diventa un giallo, dopo il riassetto di Telco
0 0 Non ci sono commenti

Antonio Preto (AgCom) ha dichiarato che lo scorporo della rete non è un atto volontario, ma può essere imposto dall’alto. Ma Telecom Italia risponde che non ce ne sarà bisogno

Mentre Telecom Italia deve decidere una fra le tre opzioni per il suo futuro, in attesa del Cda del 3 ottobre (dopo il liberi-tutti di fine settembre), un membro dell’AgCom fa sapere che lo scorporo della rete non è un atto volontario, ma può essere imposto dall’alto. Lo ha detto Antonio Preto dell’Autorità di garanzia per le comunicazioni (AgCom), parlando a titolo personale. Ma l’amministratore delegato Marco Patuano ha risposto che Telecom Italia non ha bisogno di imposizioni, ma continuerà a portare avanti il progetto di spin-off: “Non sarà necessario imporcelo, continueremo a volerlo portare avanti volontariamente“. Lo scorporo della rete fissa, deciso su base volontaria o imposto da imperio (come rimedio a garanzia della parità di accesso), rimane una delle opzioni sul tavolo.

Per procedere a uno scorporo non volontario della rete, cosa che non èprevista da nessuna indicazione normativa a livello italiano ed europeo, credo che servano motivi di una gravità eccezionale che non sussistono assolutamente né in Italia ne’ in Europa” ha precisato il presidente di Telecom Italia, Franco Bernabè: “Le dichiarazioni fatte da Preto non possono rispecchiare l’orientamento né a livello europeo della commissaria Kroes né l’orientamento dell’Agcom, che a quanto mi risulta non é mai stato espresso“.

Intanto Bloomberg riporta che l’eventuale cessione di Tim partirà dal Brasile: la vendita di Tim Participacoes in Brasile altererà lo scenario del quinto mercato wireless al mondo. Ha 73 milioni di clienti e detiene il 27% di market share. Secondo Barclays, Telecom Italia dovrebbe cedere Tim.

Per evitare il downgrade del titolo a livello junk (spazzatura, ndr), Telecom Italia ha urgente bisogno di fare cessioni per recuperare almenoi 2,2 miliardi di euro, per abbassare il debito.

Tim è in rialzo del 19% nel 2013 alla borsa di Sao Paulo.

Lo scorporo rete di Telecom Italia sarà volontario. AgCom, in caso contrario, potrebbe agire d'imperio
Lo scorporo rete di Telecom Italia sarà volontario. AgCom, in caso contrario, potrebbe agire d’imperio
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore