Telemarketing, c’è il registro antispam telefonico

MarketingNetworkProvider e servizi Internet

Il registro anti-spam recepisce finalmente la direttiva europea sul telemarketing. Ecco come funzione il registro delle opposizioni

Il ministero dello Sviluppo Economico ha messo a punto un registro pubblico delle opposizioni, dedicato a chi non vuole essere disturbato all’ora di cena da telefonate pubblicitarie. Lo spam telefonico può essere molesto: per evitare telefonate indesiderate, gli abbonati che vorranno, potranno iscriversi ad una lista di utenze telefoniche contrarie alle chiamate del tele-marketing selvaggio.

L’iscrizione sarà a carico degli abbonati, ma il Garante della Privacy, Francesco Pizzetti, contesta la discrezionalità che va a colpire i cittadini anziani in difficoltà a esprimere il dissenso alla comunicazione commerciale. Infatti, riporta aduc: “(…) gli operatori del settore potranno contattare esclusivamente gli abbonati consenzienti, ossia non iscritti nel registro che sarà istituito e gestito dal Ministero dello Sviluppo Economico”.

Il registro anti-spam recepisce finalmente la direttiva europea 2002/58/CE. In ritardo a causa di vari cambiamenti e slittamenti in corsa (compreso il Decreto Milleproroghe), per tutelare i posti di lavoro nei call center.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore