Tendenze della ricerca aziendale

Aziende

Nel 2006 è l’ottimizzazione delle risorse il principale problema delle aziende che fanno ricerca e sviluppo, lo afferma una ricerca commissionata da Ca

CA ha commissionato uno studio per analizzare tendenze e prospettive future nello sviluppo di nuovi prodotti. Lo studio ha utilizzato 100 interviste fatte a responsabili di R&S di tutto il mondo, ponendo domande in merito ai trend complessivi nella ricerca e sviluppo, alle principali problematiche dello sviluppo e alle iniziative tecnologiche. Gli intervistati rappresentano un’ampia gamma di settori, fra cui high tech, software, bioscienze e industria. Hanno partecipato aziende di tutte le dimensioni, quasi il 40 per cento del campione era relativo a grandi organizzazioni con più di 5.000 dipendenti.

“Le nostre ricerche sottolineano ancora una volta il fatto che sono le risorse umane l’atout fondamentale per qualsiasi importante iniziativa di sviluppo – ha dichiarato David Hurwitz, vice president marketing della divisione Business service optimization di CA -. Affrontando le sfide insite nell’allocazione delle risorse, le aziende potranno realizzare grossi vantaggi competitivi e migliorare l’utile d’impresa”.

Secondo lo studio, pur essendo tante le soluzioni tecnologiche che hanno aiutato le aziende a migliorare i processi di R&S, le più diffuse e citate sono state quelle di Project & Portfolio Management (69%) seguite dal Document Management (48%) e dal Product Lifecycle Management (44%).

La ricerca ha rivelato che non è l’esternalizzazione della R&S il trend di maggiore impatto sulle aziende. Quasi il 60 per cento degli intervistati ha dichiarato che globalizzazione e outsourcing hanno una ricaduta minima o nulla sullo sviluppo dei loro prodotti. Due sono, invece, le tendenze segnalate come più significative: la partecipazione dei clienti (citata dal 70%) e la pressione per il taglio dei costi (60%).

Fra le sfide che le aziende devono affrontare, oltre l’85% degli intervistati ha indicato il reperimento di risorse disponibili all’interno delle rispettive organizzazioni come il principale problema della R&S. Mentre le aziende hanno in molti casi un numero sufficiente di addetti, la vera difficoltà sta nell’identificare, impegnare e ottimizzare tali risorse. L’ottimizzazione delle risorse contribuisce anche ad alleviare altre problematiche prioritarie per lo sviluppo fra cui: difficoltà a preventivare, pianificare e realizzare i progetti di sviluppo (81%), necessità di aderire a scadenze troppo pressanti o poco realistiche (80%) e distribuzione del tempo sufficiente per l’innovazione nell’arco della giornata (78%).

“Per eccellere in R&S occorre puntare sulle persone – ha dichiarato Gisela Wilson, direttrice delle soluzioni Plm in IDC -. Le organizzazioni di ricerca e sviluppo dotate di forte competenze, di ottimizzazione delle risorse e capacità di pianificazione sono le più brave a ridurre il time-to-market e ad acquisire, di sponda, un vantaggio sulla concorrenza”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore