Teradata: Entro il 2019 più del 50% dei dati business-critical sarà in cloud

Cloud
McKinsey: È in rosso il saldo digitale dell'Europa verso gli USA
0 0 Non ci sono commenti

Secondo uno studio Teradata otto su dieci senior manager citano la sicurezza come la loro preoccupazione maggiore quando si tratta di memorizzare i dati in cloud, ma entro il 2019, i senior manager prevedono che oltre la metà dei dati relativi a IT (56%), clienti (53%) e finanza (51%) risiederà in cloud

La sicurezza è la prima preoccupazione del senior management delle aziende quando si tratta all’adozione del cloud per i dati, ma è probabile che più della metà dei dati business-critical risiederà in cloud entro il 2019.

Secondo i risultati di un nuovo studio pubblicato da Teradata otto su dieci senior manager citano la sicurezza come la loro preoccupazione maggiore quando si tratta di memorizzare i dati in cloud. Nonostante ciò, si registra un aumento della quantità di dati critici che vengono memorizzati in cloud e anzi, prolungando lo sguardo al 2019, i senior manager prevedono che oltre la metà dei dati relativi a IT (56%), clienti (53%) e finanza (51%) risiederà in cloud.

Cloud ibrido, Amazon AWS si allea con VMware

Lo studio mette in evidenza che, anche se le aziende sono intenzionate a investire in cloud storage e molte di loro intendono farlo nel corso dei prossimi due anni, rimane una grande preoccupazione per la sicurezza delle informazioni e per eventuali violazioni dei dati. La ricerca ha identificato alcuni trend importanti: Sicurezza e mancanza di controllo sono i primi ostacoli che frenano l’archiviazione dei dati critici in cloud: il 40% degli intervistati afferma che la sicurezza in generale è un rischio, mentre il 25% di loro ritiene che l’adozione dei dati in cloud si tradurrà in ulteriori violazioni della sicurezza. Un quarto degli intervistati ritiene che l’adozione dei dati in cloud si tradurrà in mancanza di controllo. Il 52% dichiara che EXECUTIVE BUY-IN TO DATA IN THE CLOUD IS HOLDING THEM BACK e il 22% ha problemi con l’assunzione di personale supplementare necessario per passare al cloud.

Nonostante ciò, il cloud storage è destinato ad aumentare significativamente nei prossimi due anni: Anche se il 58% dei dati provenienti dalle aziende intervistate risiede già oggi in cloud, l’utilizzo del cloud aumenterà nei prossimi due anni visto che tre aziende su dieci a livello globale predicono un aumento significativo dei dati nel cloud entro il 2019.

La maggior parte dei dati legali non è archiviato in cloud i dati legali sono archiviati per la maggior parte su server fisici, e solo il 27% delle imprese intervistate conta di spostare i propri dati legali in cloud nei prossimi due anni. Il settore Telco sta facendo lo sforzo maggiore con il cloud, e anche il MarComm si muove in questa direzione all’interno delle aziende: il 48% delle aziende intervistate conferma un aumento significativo del loro uso del cloud storage entro il 2019 e il 48% dei reparti marketing e comunicazione delle aziende intervistate aumenterà il volume di dati memorizzati in cloud entro il 2019.

L’Healthcare sposterà i dati dei suoi clienti nel cloud, mentre le Utility daranno priorità ai dati IT e R&S: il 59% degli intervistati ha risposto che il settore sanitario sposterà i dati dei clienti nel cloud nei prossimi due anni. Le Utility daranno la priorità alla migrazione in cloud dell’infrastruttura IT (64%) e dei dati R&S/Engineering (52%).