Terremoto estivo con Google – Motorola e l’addio di Hp ai Pc

AziendeCloudDispositivi mobiliMobile OsMobility
Wind e H3G, disco verde alla fusione

La lunga estate 2011 sta volgendo al termine, ma nel mondo IT le novità sono state di grande spessore. Prima l’acquisizione di Motorola Mobility da parte di Google, quindi l’annuncio di Hp dello spin-off della divisione Pc, infine la nomina dei nuovi Ceo di Apple (Steve Jobs lascia il timone a Tim Cook) e di Amd (Rory Read, ex Lenovo, è il nuovo numero uno del vendor di chip). Un agosto denso di notizie, aspettando Windows 8 per tablet

Ad agosto Google ha acquisito Motorola Mobility per 12.5 miliardi di dollari. Per il vendor del primo sistema operativo per smartphone si tratta della più grossa acquisizione di sempre. Motorola rafforza il produttore di Android nei brevetti nel Mobile e inoltre dà una nuova spinta a Google Tv, visto che Motorola produce non solo tablet e smartphone, ma anche set-top-box. Inoltre Google, da produttore di software e servizi, diventa anche vendor di hardware: sia per il mercato smartphone che tablet, visto che Motorola produce non solo i Droid, ma anche lo Xoom. L’integrazione è la parola d’ordine di questo decennio: se Apple e Microsoft sposano l’idea della convergenza fra device e computer, Google sta alla finestra. Intanto rafforza Android nel mercato mobile (negli Usa è già fortissimo con il 53% di market share), ed avrà il mercato dei tablet in pugno dal 2015 (stando alle previsioni degli analisti). Ma sui computer l’unico progetto già reale è il ChromeBook, mentre con Motorola potrebbe rilanciare Google Tv. Il resto è da vedere.

A entrare nell’era cloud e Post-Pc è invece Hp, che, pur essendo il primo vendor al mondo nel mercato Pc, ha annunciato lo spin-off della divisione Pc. Secondo Ovum e Idc, a contendersi la divisione Pc di Hp potrebbero essere Samsung e Lenovo. La cinese Lenovo ha acquisito la divisione Pc da Ibm nel 2005. La sud coreana Samsung, già regina degli smartphone Android (con il Samsung Galaxy S e S2) e secondo vendor del mercato tablet (con il Samsung Galaxy Tab, rivale di iPad), produce da anni netbook e laptop. La divisione Pc di Hp potrebbe valere 12 miliardi di dollari (fonte: Credit Suisse Group AG). Se andasse in porto la cessione, sarebbe la più grande acquisizione del mercato Pc dai tempi di Hp-Compaq nel 2002.

Secondo Gartner, se Lenovo comprasse la divisione Pc di Hp, il suo market share salirebbe dal 12% al 30%, espandensi nei mercati (Emea e Usa) e distaccando il secondo vendor, Dell al 13% e il quarto vendor, Acer all’11%.Anche per Samsung l’acquisizione rappresenterebbe un’occasione più unica che rara per contrastare Apple su più mercati.

Inoltre Hp ha tagliato drasticamente il prezzo del tablet TouchPad: sul sito di Best Buy Canada, il TouchPad da 16 Gbyte passa in Canada e USA da 399,99 a 99,99 dollari, mentre quello da 32 Gbyte crolla da 499,99 a 149,99 dollari.

DeWitt rassicura sulle sorti di WebOs: il sistema operativo, frutto dell’acquisizione da 1,2 miliardi di dollari di Palm da parte di Hp, non morirà. Il Senior Vice Presidente Stephen DeWitt ha spiegato in un’intervista che WebOs “continuerà ad evolvere, ad essere aggiornato e supportato“. Hp cessa le vendite dello smartphone Pre e del tablet TouchPad, ma sta prendendo in esame accordi di partnerships e licensing per WebOS.

Insomma, terremotato il mercato IT da tante notizie, vedremo come l’era Mobile e Cloud preparano le sfide del 2012. Appuntamento a settembre con la Pdc dove Microsoft dovrebbe presentare la Beta di Windows 8 per tablet. L’era post-Pc riparte da qui.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore