TEST: Acer Aspire Ethos 5951G

LaptopMobilityWorkspace

Un notebook multimediale con Intel Core i7 di seconda generazione e il touchpad estraibile e utilizzabile anche da remoto. Bene il comparto audio e le prestazioni complessive. La soluzione del touchpad è da migliorare. Molto elegante il design

Acer Aspire Ethos 5951G è un notebook che nasce per il divertimento multimediale di tutta la famiglia, e si qualifica come un notebook tipicamente da salotto.
Aspire Ethos è disponibile in più versioni, con display da 15 e 18 pollici, cambia in questo caso il primo numero (8951G, per la versione da 18 pollici e 5951G per i 15 pollici). La versione da 18 pollici porta in dotazione il display Full-HD (1.920×1.080), quella oggetto della nostra prova è un sample con diagonale da 15 pollici (modello 5951G) e la dotazione hardware come esposta nel corso della nostra prova. Riportiamo a fine test, per comodità dell’utente, anche un esempio di configurazione e prezzo, così come è disponibile Aspire Ethos 5951G nei negozi.

Descrizione
La caratteristica che balza subito all’occhio su Acer Aspire Ethos 5951G è il touchpad asportabile e sensibile all’orientamento, per abilitare velocemente programmi e funzioni multimediali anche sul notebook, che è facilmente collegabile al televisore di casa. Quando il touchpad è alloggiato nel suo scomparto funziona come un normalissimo touchpad, tasto destro e sinistro restano fissati alla scocca, ma il sistema a bilanciere dei tasti non ci ha soddisfatto del tutto. Quando si sposta il touchpad dall’alloggiamento (c’è una levetta esterna che somiglia a quelle di sblocco per aprire il notebook), lo si può usare per il controllo delle riproduzioni multimediali anche a distanza, oppure tenerlo affrancato con un laccetto. Si attiva il software di condivisione Clear.fi e si gestisce tutto con la tavoletta touch separata. La tavoletta/touchpad è anche sensibile all’orientamento, ma richiede l’acquisizione di un minimo di familiarità. Alle prime armi è facilissimo lasciare attivo Clear.fi e non riuscire più a orientarsi su come utilizzare il notebook, perché ci si ritrova, insistente, l’interfaccia e i comandi per la gestione della riproduzione multimediale. A nostro avviso come soluzione è da pensare meglio, perché il primo approccio è fastidioso e a tratti frustrante, ma l’idea in sé potrebbe essere buona.

Il touchpad di Acer Aspire Ethos 5951G è asportabile e funziona come un sistema di controllo remoto, un telecomando. Utile con clear.fi, lo è meno nell'utilizzo normale del notebook

Ci sono piaciute invece, senza condizioni, le scelte riguardanti la scocca, e lo chassis elegante. Nero opaco, con nervature sul dorso esterno, opaca e satinata è la zona affianco del touchpad e il piano tastiera (retroilluminata) con i tasti a isola e la base che riprende il motivo dello chassis esterno. Nella parte superiore è in evidenza il sistema audio, con una zona perforata per una migliore diffusione e una barra di metallo satinato con la scritta Dolby Home Theater. Il comparto audio è un vero punto di forza di questi modelli. Il display si innesta alla base con cerniere per design molto simili alla proposta dei Sony Vaio, che per alcuni dettagli sono spesso ripresi ad esempio dai vendor. Si può apprezzare quando soluzioni che gli utenti amano, si diffondono anche su altri prodotti. Lo spessore del coperchio è di pochissimi millimetri e questo fa di Aspire Ethos notebook nel complesso davvero belli da guardare. Unica nota personale: troviamo poco ergonomico il tasto di accensione. Sembra a sfioramento e invece deve essere premuto con forza, senza per altro restituire sempre un feedback di solidità e meccanismo preciso (speriamo sia un problema solo del sample).

A sinistra è visibile l'innesto del display nello chassis. Molto simile come design a quello dei Sony Vaio. Bene per la presa eSata esterna, ma è disponibile solo una USB 3.0

Sul fondo è in evidenza un tasto a spostamento rosso, che abilita o disabilità la ricarica e il funzionamento della batteria e una terza via di diffusione del suono per esaltare i bassi Acer Tuba Tech, avevamo già apprezzato sui Gemstone. Ahimè, la batteria non è sostituibile come nei normali notebook. L’apertura della base evidenzia i comparti per la sostituzione veloce di Ram e disco fisso, ma non della batteria PowerSmart a 6.000 mAh, per cui Acer dichiara la possibilità di oltre 1.000 cicli di ricarica e l’autonomia di circa 7 ore di lavoro.
In ultimo le dimensioni: questo notebook pesa 3,3 Kg. E misura 38x26x3cm di altezza massimo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore