TEST: Packard Bell Easynote Butterfly m

LaptopMobility

Leggerezza e mobilità, questi i tratti distintivi del notebook Packard Bell Butterfly m, oltre allo schermo da 15,6 pollici ampio e molto luminoso

Il nome delle cose spesso ne rivela in parte la natura. E così è per Packard Bell Eaynote Butterfly m, perché tra le caratteristiche più significative di questo notebook c’e sicuramente la leggerezza, che lo rende adatto a chi si sposta spesso e non vuole rinunciare ad avere con sé il computer. Ma Butterfly è una linea di notebook Packard Bell, quindi vediamo in dettagli cosa offre questo modello.

Descrizione

Ormai i notebook, lo sappiamo bene, non possono permettersi di essere solo veloci, leggeri e possibilmente poco costosi, ma devono anche risultare semplicemente belli da vedere. EasyNote Butterfly m da questo punto di vista non delude: scocca argentata, lucida quanto basta per essere elegante, ma satinata al punto da non trattenere le ditate; gli angoli sono arrotondati, così come la batteria, pur sporgendo, è ammorbidita dalla forma circolare delle sue estremità. I profili neri creano quell’elemento di discontinuità che non disturba affatto. Il logo Packard Bell è incastonato su una placca a specchio posta sulla cover superiore. Ma veniamo alla sostanza. L’apertura dello schermo non è vincolata da alcun sistema di blocco e rivela un display da 15,6 pollici. Le dimensioni del notebook sono 377x254x25.7 mm per circa 2,5 kg.

easynotebutterflymprofil.jpg

Il profilo sinistro di Easynote Butterfly m, sottile e compatto, rivela eleganza e solidità al tempo stesso

La tastiera è ampia e confortevole durante la digitazione e include anche un tastierino numerico, una soluzione insolita per un notebook e quindi apprezzabile. Anche la zona del touchpad è ben studiata e i tasti di selezione sono contenuti in un’unica barra a specchio con tanto di logo Packard Bell, che richiama quella sulla cover esterna. E’ possibile disabilitare il touchpad con un apposito pulsante.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore